Un anno di visto per chi lavorerà in smart working dalle isole Barbados

Curiosa proposta da parte del primo ministro delle Barbados: un anno di visto a chi vorrà lavorare in smart working dalle isole caraibiche. Idea per attrarre il turismo

Foto dal web

Smart working alle isole Barbados

Le isole caraibiche puntano sui lavoratori telematici per sopperire all’assenza di turisti. Questa è l’idea del primo ministro Mia Amor Mottley. Il governo vorrebbe aprire le frontiere a chiunque vorrà recarsi sulle isole per lavorare a distanza, circondati da un mare cristallino e una spiaggia bianca. “Non avete bisogno di stare in Europa, negli Stati Uniti o in America Latina” – spiega il premier – “Potete venire qui per un po’. Sarà possibile andare e tornare. Vogliamo creare un ambiente che permetta alle persone di rilassarsi e divertirsi durante l’emergenza Covid“. In poche parole il governo delle Barbados fornirà un visto gratuito per 12 mesi.

Lo stato caraibico punta ad attirare i visitatori stranieri che stanno scarseggiando in questo particolare periodo. Le isole vivono di turismo. Un settore che vale il 12% del Pil. Ai turisti è legato il 40% delle attività economiche, secondo i dati riportati dalla Barbados Hotel and Tourism Association. Il governo vorrebbe far partire l’iniziativa già da oggi, in quanto saranno ripristinati i voli da e per l’isola.

Il Coronavirus alle Barbados

Le Barbados non sono state colpite pesantemente dalla pandemia. I casi positivi al virus sono stati 98, con 7 morti. Le isole contano 284.215 abitanti.

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA