Calcio

Euro 2020, Spagna-Svezia 0-0, male Morata: cronaca, promossi e bocciati

Adv

Spagna-Svezia, seconda partita della prima giornata del girone E di Euro 2020, al “La Cartuja” di Siviglia, si chiude senza gol. Spagna costantemente in avanti, ma incapace di scardinare il fortino preparato da Jan Andersson. Brutta serata per Alvaro Morata. Così cronaca, promossi e bocciati.

Il primo tempo di Spagna-Svezia

Il primo pericolo per la porta di Olsen, arriva da un tiro di Olmo da fuori area al 6′ minuto, che sorvola la traversa in modo innocuo. Ben più pericoloso è il colpo di testa sempre di Olmo dalla corta distanza al 17′, che costringe Olsen ad una difficilissima parata a terra e a salvarsi in corner. Timidamente al 22′ la Svezia si porta in avanti e conclude verso la porta avversaria con Forsberg, il cui tiro, però, è da dimenticare. Dalla parte opposta luna buona occasione si crea per Koke, che dall’interno dell’area avversaria, manca lo specchio della porta svedese di pochi centimetri. Al 29′ Olmo lavora bene un pallone sull’out mancino, prima di servire basso al centro Koke, la conclusione del capitano dell’Atletico Madrid, tuttavia, finisce alta.

Al 38′ minuto Jordi Alba serve un pallone nell’area svedese, Danielson pasticcia e Morata si ritrova a tu per tu con Olsen, ma il classe ’92 juventino, anziché portare in vantaggio i suoi, spedisce il pallone troppo largo, divorandosi un gol già fatto. Tre minuti più tardi è sfortunata la Svezia, ovvero quando Isak, sfruttando un errore della difesa spagnola, riesce a calciare in porta dalla corta distanza, ma la sfera viene prima respinta da Llorente sulla linea di porta sul palo e poi finisce tra le mani di un incredulo Unai Simon. Una nuova conclusione di Olmo da fuori area al 45′ neutralizzata da Olsen, chiude il primo tempo.

Il secondo tempo di Spagna-Svezia

Al 50′ Morata potrebbe cambiare la storia della partita inaugurale per la Spagna in questo Europeo, ma il suo destro manca nuovamente la porta svedese di qualche centimetro. undici minuti dopo, al termine di un’azione di contropiede, Isak si libera di tre avversari e poi serve un assist d’oro a Berg, che da pochi passi dalla porta spagnola, calcia malamente fuori.

Con la Spagna costantemente in avanti, al 73′ Olmo prova a cercare la via del gol, ma ancora una volta la sua conclusione da fuori area, non è fortunata ed è neutralizzata dalla difesa avversaria. Da qui in avanti, gli spagnoli spingono alla ricerca del gol, la Svezia si chiude senza tentare sortite offensive. Olsen esalta ancora di più la propria prestazione,respingendo al 90′ un colpo di testa ravvicinato di Gerard Moreno, permettendo alla sua nazionale di chiudere indenne la difficile sfida di questa sera.

I Promossi

Koke-Olmo (Spagna): i due giocano un elevato numero di palloni, costruendo più di un’occasione da gol per i compagni. Provano anche da soli a entrare nel tabellino dei marcatori, ma non hanno la giusta fortuna. La Spagna non disputa una gara memorabile, ma le loro prestazioni sono comunque più che accettabili.

Olsen-Isak (Svezia): l’estremo difensore si esibisce in alcune parate da copertina e costringe la Spagna ad una gara particolarmente complessa. Il secondo, invece, sfiora il gol nel primo tempo, ma si applica bene anche nel ruolo di assist-man. Il ragazzo viene sostituito da Andersson nel corso del secondo tempo per motivi poco comprensibili, ma la sua partita è più che positiva.

I Bocciati

Morata (Spagna): serata da dimenticare per il bianconero. Sbaglia un gol già fatto (e non solo quello), non riesce a dialogare con i compagni come invece servirebbe e quando Luis Enrique al 66′ lo richiama in panchina, sembra venga bocciato dallo stesso tecnico che gli ha assegnato questa sera, un ruolo non suo. Brutta serata per lui.

Primo tempo (Svezia): benché sia comprensibile che la Svezia inizi la sfida in modo piuttosto abbottonato, lo è meno il fatto che la formazione schierata da Andersson questa sera, rinunci, praticamente per tutti i primi 45 minuti, a qualche accenno di gioco offensivo. Nella ripresa le cose cambiano un po’ e forse anche per questo, il primo tempo degli svedesi è da bocciare.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Sport Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Euro 2020

(Photo credit: Selección Española de Fútbol)

Link foto: https://www.facebook.com/EURO2020/photos/pcb.4346993678686778/4346987318687414

Adv
Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Adv
Back to top button