Cronaca

Spari a San Basilio, uomo ferito da due colpi di pistola: è in fin di vita

Paura a Roma nella serata di mercoledì 5 agosto: intorno alle ore 21 nel quartiere di San Basilio un uomo è stato colpito dagli spari di una pistola. L’agguato è avvenuto ai danni di un uomo di 47 anni che è rimasto ferito alla testa e all’addome. La vittima si trova ora in fin di vita, mentre sono in corso indagini serrate per fare luce sulla vicenda.

agguato san basilio

Roma, spari a San Basilio: un ferito

I carabinieri della compagnia di Montesacro stanno indagando sull’agguato avvenuto a Roma nella serata di mercoledì 5 agosto 2020. Da quanto si apprende, infatti, i residenti avrebbero lanciato l’allarme dopo aver udito alcuni spari di pistola nel quartiere di San Basilio. Un uomo di 47 anni è rimasto ferito in un agguato con due colpi di pistola e si trova ora in fin di vita.

Alcuni testimoni della scena hanno raccontato che l’agguato è avvenuto intorno alle ore 20:50. Gli spari si sarebbero verificati all’incrocio tra via di Montegiorgio e via Fabriano. A confermare la ricostruzione sono state le successive chiamate dei residenti al Nucleo Unico per le Emergenze (erano le 21).

All’arrivo dei soccorsi e dei carabinieri, però, la vittima e l’assalitore non si trovavano sul posto. Nulla di anomalo nelle vicinanze, ad eccezione di un’auto che aveva accostato a pochi chilometri di distanza. A bordo il conducente aveva caricato un uomo ferito e insanguinato. Il 47enne vittima dell’agguato, infatti, è rimasto ferito alla testa e all’addome dopo essere stato raggiunto da due colpi di pistola. Sarebbe in fin di vita ricoverato presso l’ospedale Umberto I di Roma.

Le indagini

Secondo quanto emerso dalle prime indagini dei carabinieri, pare che la vittima dell’agguato sia un 47enne macedone titolare di una pizzeria nella zona.

Sulla scena dell’agguato sono stati rinvenuti alcuni bussolotti di proiettile: rimangono avvolti nel mistero i motivi degli spari, il protagonista dell’agguato e i precedenti della vittima. Gli inquirenti non hanno escluso alcuna pista: rapina, agguato o regolazione dei conti.

Anche l’autista dell’auto sulla quale è stata rinvenuta la vittima è stato ascoltato.

Back to top button