Sport

Spazio Wrestling MMI – RAW Recap e Analisi della puntata del 25 giugno 2018

La corsa per il titolo intercontinentale è stato il punto focale di Raw . Come è avvenuto per gran parte del 2018, la battaglia per quel titolo è stata una manna per lo show rosso. La puntata di Raw che si è svolta ieri, lunedì 25 giugno, non ha fatto eccezione con Seth Rollins che ha tentato di riconquistare la sua corona contro il nuovo campione Dolph Ziggler.

Bobby Lashley e Roman Reigns sono fra gli sfidanti più accreditati di Brock Lesnar Credit: WWE

Il Titolo Universale, così come il suo detentore, non compare mai nelle puntate settimanali . L’unico contributo di Brock Lesnar allo spettacolo è stato il suo contratto, che apparentemente non consente di avere un number one contender.Roman Reigns e Bobby Lashley continuano a competere per questo ruolo in una faida che ha poco di entusiasmante. Raw ha sfruttato la storyline delle ” squadre che non vanno d’accordo” tre volte nella stessa notte. Questo ha masso in risalto quanto poco creativa possa essere la compagnia a volte. Bayley, Finn Balor e Lashley hanno infatti fatto coppia con partner che non potevano sopportare.
Ecco a voi un’analisi completa dell’ultima puntata di RAW.

Kurt Angle apre lo show :

Con Baron Corbin al suo fianco, il General Manager di Raw, Kurt Angle, ha cercato di fare un annuncio, ma Reigns lo ha interrotto. Bobby Lashley ha fatto lo stesso con Reigns.Lashley ha detto a Reigns che deve smetterla di tentare detronizzare Brock Lesnar. Il Big Dog lo ha deriso per aver lasciato la compagnia dieci anni fa.
Angle è riuscito finalmente ad annunciare che il match a più uomini previsto per Extreme Rules non si terrà più per una clausola nel contratto di Brock Lesnar.
Prima che Reigns e Lashley potessero continuare la loro faida verbale, I Revival sono apparsi e hanno iniziato ad insultare i due big men . Corbin ha sancito un match fra gli ex Campioni di coppia di NXT e la coppia formata da Bobby Lashley e Roman Reigns.

Analisi del segmento:
Roman Reigns è stato decisamente più convincente di Bobby Lashley al microfono, per quanto il Big Dog non sia un’oratore fenomenale è migliorato molto.
Il Titolo Universale sta vendo una gestione penosa; dopo due mesi dalla sua ultima difesa ancora non è chiaro chi affronterà Brock Lesnar a Summerslam (sempre che la Bestia sia presente in tale evento).
Pensare di sostituire un’incontro che determina un primo sfidante alla cintura più importante della WWE con una faida fra Bobby Lashey e Roman Reigns non può essere una soluzione alternativa degna di questo nome.

Bobby Lashley & Roman Reigns vs. The Revival:

Lashley e Reigns hanno litigato sin dall’inizio del match ma nonostante ciò hanno sopraffatto Scott Dawson che è stato l’uomo legale nelle prime parti dell’incontro. I loro problemi hanno ai Revival di prendere il sopravvento, attaccando ripetutamente Lashley , riuscendo così a gestire lo strapotere fisico del Dominator.
Dopo l’entrata di Roman Reigns che sembrava potesse portare ad una vittoria veloce dei face Dawson e Dash Wilder sono stati in grado di riprendere il controllo e rallentare l’incontr. Il moveset ad alto impatto ha aiutato Bobby Lashley a far tornare in vantaggio il suo team.
Reigns e Lashley hanno ricominciato a discutere portando The Revival alla vittoria dopo un roll-up di Dash Wilder su Roman Reigns.

Analisi del Match:
The Revival è un team che merita molto meglio di quello che ha ottenuto fin’ora nel main roster e si spera che questa vittoria sia l’inizio di una ricostruzione di Dash Wilder e Scott Dawson che ad NXT davano vita a match esaltanti.
La scelta di mettere di nuovo insieme Roman Reigns e Bobby Lashley mostra quanto pigro sia il team creativo al momento proponendo sempre il solito angle di due main eventer che perdono incontri di coppia perchè non vanno d’accordo.
Detto ciò il match è stato comunque gradevole mostrando l’arsenale dei due big men e la sagacia di Dawson e Wilder.

Matt Hardy vs. Curtis Axel:

Il B-Team nel backstage ha fatto una parodia dei Deleters of Wolds.
Sul ring, Matt Hardy ha travolto presto Curtis Axel. Mentre Hardy tentava di eseguire un suplex dalla terza corda su Axel è scivolato permettendo a quest’ultimo di schienarlo.
I Deleters of Worlds ha applaudito il B-Team in seguito.

Analisi del Match:
Sotto il profilo lottato l’incontro è decisamente dimenticabile; il match è servito solo per dar vita ai segmenti pre e post match del B-Team che si sta rivelando come uno degli aspetti più divertenti di RAW. Come Breezango a Smackdown a fine 2016 il loro è un comedy funzionante anche se proprio come Tyler Breeze e Fandango saranno probabilmente solo sfidanti di transizione dei campioni.

Authors of Pain vs. Rich e Rex Gibson:

The Authors of Pain hanno bullizzato un dipendente della WWE nel backstage prima di avere un momento di tensione con il Titus Worldwide.
Akam e Rezar hanno dominato i loro avversari, demolendo i Gibson in pochi secondi. Dopo la fine dell’incontro gli Authors of Pain hanno continuato il pestaggio dei loro avversari. Il Titus Worldwide è entrato sul ring per salvare i due jobber, scacciando Akam e Rezar.

Analisi del Match:
Akam e Rezar sono due ottimi atleti ma squash match (match dalla durata brevissima) come questi non innalzano il loro status. Hanno bisogno di sfidanti credibili per arrivare in cima alla divisione tag team di Raw e i Titus Worldwide non sono di certo avversari degni di questo nome.

Alexa Bliss vs. Natalya:

Prima del match abbiamo avuto un segmento in cui Mickie James introduce al pubblico la campionessa. Alexa Bliss ha deriso Ronda Rousey per la sospensione di 30 giorni e Nia Jax per l’infortunio al braccio. Natalya prima del match ha parlato di come la sua amica Ronda Rousey demolirà la campionessa al suo ritorno . E’arrivata anche Nia Jax che è stata fuori al ring in aiuto do Natalya contro il duo heel.
L’incontro ha messo in luce le capacità tecniche di Natalya che ha dominato per lunghi tratti la contesa. Alexa Bliss ha avuto un ritorno di fiamma attaccando costantemente il ginocchio di Natalya. Una distrazione causata da Nia Jax ha dato la possibilità alla canadese di atterrare la campionessa e di sottometterla con la sua Sharshooter

Analisi del Match:
Il promo pre match è stato molto lungo, forse anche troppo lungo ma Alexa Bliss ha fatto un’ottimo lavoro come al solito; il match è stato molto breve e privo di highlights degni di nota.
L’incontro ha seguito il solito canovaccio dei campioni heel che hanno vinto il titolo grazie al Money in the Bank, ovvero farli perdere contro il face di turno in maniera abbastanza netta. Dare una vittoria sporca alla Bliss sarebbe stato sicuramente più utile per mostrare quanto la campionessa sia in grado di sfruttare ogni minima occasione per portare a casa la vittoria.

Sasha Banks, Bailey e Ember Moon vs. The Riott Squad:

Kurt Angle prima del match ha dato il benvenuto alla rientrante Alica Fox per poi informare Bailey che questa settimana sarà in squadra con Sasha Banks ed Ember Moon contro la Riott Squad.
L’azione sul ring ha visto protagonista Ember Moon che si è presa cura di Liv Morgan. Il resto della Riott Squad creando del caos fuori dal ring ha gettato le basi per una situazione di vantaggio. Sasha Banks ha preso il pin da parte di Ruby Riott.
Dopo il match Bailey ha attaccato la Boss, sua ex miglior amica.

Analisi del Match:
L’incontro non è stato nulla di eccezionale ma ha messo in mostra le capacità di Ember Moon. Quello che è successo dopo il match è stata sicuramente l’highlight della puntata di RAW. La rivalità fra Bailey e Sasha Banks è una delle più riuscite nella storia di NXT e si spera che le due Superstars riescano a replicare la stessa magia che hanno creato nel roster giallo.

Segmento di Mojo Rawley e No Way Josè:

No Way Jose ha chiesto un match contro Mojo Rawley ma quest’ultimo ha rifiutato insultando il suo avversario. Il promo di Rawley è stato molto valido mettendo in risalto i miglioramenti di quest’ultimo da quando è turnato heel.

Braun Strowman e Kevin Owens vs. Constable Baron Corbin e Finn Balor:

Kurt Angle ha dato vita a questo match su richiesta di Strowman. Corbin e Balor hanno costantemente litigato durante l’incontro non riuscendo a collaborare mentre la coppia Kevin Owens e Braun Strowman è riuscita a trovarsi sul ring. Spettacolare lo splash di Strowman seguito dalla Cannonbal di Owens. Finn Balor e Baron Corbin hanno finito per combattere fra di loro perdendo il loro match per count out.

 

Dopo il match Braun Strowman arrabbiato con Kevin Owens per non aver vinto il match in maniera pulita ha rincorso il Prizefigher per tutta l’arena fino al parcheggio. Quando Owens credeva di essere al sicuro nel parcheggio dell’arena, pronto per partire con la sua auto, si è trovato faccia a faccia con Strowman che aveva appena ribaltato la sua auto.

Analisi del Match e del segmento:
L’incontro è stato molto divertente e ha intrattenuto il pubblico. Braun Strowman è apparso come il solito distruttore implacabile e Kevin Owens ha mostrato il suo arsenale . Balor e Corbin sono destinati a scontrarsi , questa rivalità anche se può non entusiasmare i fan dell’irlandese darà vita ad ottimi match visto che Baron Corbin si è sempre esaltato contro avversari molto più leggeri di lui, come fece con Kallisto nel 2016. Anche Braun Strowman e Kevin Owens sono destinati a scontrarsi più volte, anche questa potrebbe essere una rivalità che oltre a regalrci segmenti divertenti potrebbe dar vita a buoni incontri.

Dolph Ziggler vs. Seth Rollins – match valevole per il titolo Intercontinentale:

Seth Rollins è partito all’attacco dando poco spazio al campione. Grazie alle sue doti di wrestler universitario Dolph Ziggler è riuscito ad equilibrare l’incontro con prese statiche e lotta al tappeto.
Grazie alle interferenze di McIntyre Ziggler è riuscito ad ottenere un vantaggio notevole sullo sfidante usando ogni parte del quadrato più dura per danneggiare Seth Rollins che, nonostante ciò, è riuscito a rimanere pericoloso per il campione.
Dopo l’ennesima interferenza di Drew McIntyre l’arbirtro ha allontanato lo scozzese dal ring. Dolph Ziggler nonostante sia stato privato dell’aiuto del suo alleato è riuscito comunque a gestire il ritorno di fiamma di Rollins. Dopo un’ottima sequenza sul ring fra i due sfidanti McIntyre è tornato ed ha attaccato Rollins, facendo scattare la squalifica.
I due heel hanno attaccato l’Architetto e quando le cose sembravano stessero mettersi in malo modo per l’ex campione Intercontinentale è intervenuto in suo soccorso Roman Reigns che ha liberato il ring dalla coppia Ziggler-McIntyre.

Analisi del Match:
Seth Rollins è il migliore performer in WWE del 2018, il titolo Intercontinentale è la cintura pià rilevante in quel di RAW e Ziggler è rinato dopo aver stretto alleanza con Drew McIntyre. Mettete tutte questi fattori insieme e otterete un ottimo main event di uno show settimanale. Molto interessante anche la possibilità di una faida fra Roman Reigns e Drew McIntyre, probabilmente nettamente migliore di un’eventuale scontro fra il Big Dog e Bobby Lashley.

Il prossimo appuntamento con il wrestling WWE è per domani con Smackdown e 205 Live.

Simone Franceschetti

https://www.facebook.com/spaziowrestling.it/

https://www.spaziowrestling.it

https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

https://www.twitter.com/MMagazineItalia

Back to top button