E’ ufficiale: Stefano Domenicali, ex Team Principal Ferrari e Presidente della Lamborghini, tornerà nel mondo della F1 prendendo il ruolo di CEO sostituendo Chase Carey. Lo stesso Domenicali si ritiene entusiasta della scelta ed onorato del ruolo che andrà a ricoprire a partire da gennaio 2021.

Stefano Domenicali ceo f1
Schumacher e Domenicali – Photo Credit: Scuderia Ferrari Official Facebook Account

Stefano Domenicali CEO F1 – Il ritorno

Dopo la doppia comparsa di Stefano Domenicali ai Gran Premi corsi a Monza e al Mugello, le voci sono diventate sempre più insistenti; la sua presenza, vista come un chiaro indizio, è stata subito associata a quella tuta rossa da lui indossata qualche anno fa. In realtà il ritorno di Domenicali in F1 non è pura utopia, ma realtà. L’ex Ferrari non tornerà a Maranello; per lui infatti la previsione è quella di un ingresso direttamente agli alti livelli del Circus. Chase Carey, presidente della F1 dal 2017 dopo l’acquisizione di Liberty Media, lascerà il suo ruolo al termine di quest’anno.

Ovviamente Carey non lascerebbe per sempre il mondo delle corse, ma rimarrebbe legato ad esso con un ruolo esterno e decisamente meno impegnativo. L’arrivo di Domenicali è dunque previsto per l’inizio del 2021. La sua nomina lo porterebbe a collaborare con un altro ex Ferrari, Jean Todt, attuale presidente della FIA; l’organo governativo della F1 potrebbe dunque tingersi leggermente di rosso – alcuni già annunciano un ritorno al dominio della Rossa a partire dal 2022 – anche se Todt ha già dichiarato che una volta completato il suo mandato, non cercherà un’altra nomina a presidente, ruolo che ricopre dal 2010.

Stefano Domenicali ceo f1
Stefano Domenicali – Photo Credit: Lamborghini Official Twitter Account

Chi è Stefano Domenicali

Stefano Domenicali è nato ad Imola nel 1965; il suo percorso di studi viene portato a termine con la Laurea in Economia e Commercio, ottenuta presso l’Università di Bologna. Nel 1991, Domenicali entra a far parte del mondo Ferrari, azienda in cui inizia a lavorare occupandosi delle relazioni con Fiat; qualche anno dopo passa alla Squadra Corse, con cui tra le altre cose segue anche lo sviluppo del circuito del Mugello. Nel 1995, Domenicali diventa capo della Gestione Sportiva e nell’anno successivo è promosso a Team Manager; dal 2002 al 2007 invece ricopre il ruolo di Direttore Sportivo.

A partire da gennaio 2008, Domenicali subentra al posto di Jean Todt come Team Principal della Scuderia Ferrari; sei anni dopo ad aprile, qualche mese dopo la presentazione della monoposto F14-T, Domenicali rassegna le sue dimissioni in quello che da molti sarà chiamato annus horribilis. Al suo posto arriverà Marco Mattiacci mentre lui cambierà azidenda; a novembre infatti entra in Audi e due anni dopo, nel 2016, viene nominato presidente e amministratore delegato di Lamborghini, azienda che sotto la guida di Domenicali ottiene ottimi risultati.

SEGUICI SU:

© RIPRODUZIONE RISERVATA