Gossip e Tv

“Striscia la notizia”, stasera un nuovo servizio su U-Mask di Moreno Morello

Nonostante l’inchiesta di Striscia la notizia, l’indagine della Procura di Milano, l’istruttoria dell’Antitrust e il divieto di vendita imposto dal Ministero della Salute, non sembra affievolirsi la passione tra U-Mask e Formula Uno. Nel servizio in onda questa sera (Canale 5, ore 20.35), Moreno Morello “smaschera” Fernando Alonso, il pilota due volte campione del mondo ritratto in annunci di vendita con una mascherina di fatto ritirata dal commercio in Italia.

Stasera a “Striscia La Notizia” si torna a parlare di U-Mask con Moreno Morello

Si tratta dei dispositivi distribuiti da “Kimoa” – l’azienda specializzata in abbigliamento e accessori fondata nel 2017 da Alonso – e venduti da Amazon a 45 euro al pezzo. Non serve un occhio particolarmente attento, però, per accorgersi che le mascherine del pilota spagnolo altro non sono che delle U-Mask a cui è stato semplicemente apposto il marchio “Kimoa” sulla fodera in tessuto. Infatti, l’inviato di Striscia, una volta effettuato l’ordine, si è visto recapitare a casa la mascherina con tanto di packaging originale U-Mask.

Dopo la segnalazione del Tg satirico di Antonio Ricci, Amazon ha fatto sapere che «sta procedendo alla rimozione dei prodotti in questione». “Striscia la notizia” ha iniziato a indagare a dicembre 2020 su U-Mask, mascherina paragonata dall’azienda che la produce ai dispositivi di protezione individuale (FFP2 o FFP3): la Model 2 avrebbe in realtà una capacità di filtrazione inferiore a quella di una comune chirurgica da 50 centesimi, la Model 2.1 non avrebbe invece superato i test sulla respirabilità. Il Ministero le ha ritirate entrambe ed è tuttora aperta un’indagine della Procura di Milano.

Seguici su

Facebook

Instagram

Metrò

nickyabrami

Siciliana trapiantata a Roma. Abbandonati gli studi universitari, ho girato e giro in lungo e largo l'Italia per amore della musica e per passare qualche giorno in compagnia dei miei amici e di un buon bicchiere di vino. Ho collaborato con magazine musicali scrivendo live report su vari artisti italiani e stranieri e da gennaio 2017 ho occhi solo per Metropolitan Magazine
Back to top button