Calcio

Bandecchi e Leone disegnano il futuro della Ternana

In un periodo così buio per il mondo del calcio è difficile per gli amanti delle piccole squadre rimanere in contatto con i propri beniamini. Ci sono riusciti i tifosi della Ternana, che grazie alla diretta Facebook organizzata nei giorni scorsi dal Centro Coordinamento Ternana Clubs hanno avuto modo di parlare di calcio con il proprio presidente Stefano Bandecchi, che ha rivelato in esclusiva alcune importanti novità sul presente e il futuro delle fere.

Spazio alla storia

La prima è stata una notizia che ha esaltato il popolo rossoverde. Infatti il presidente ha raccolto la proposta di Marco Barcarotti riguardo la realizzazione di un museo della Ternana. Nelle prossime settimane inizierà quindi la ricerca dei locali da adoperare, dentro i quali saranno raccolti filmati, foto storiche, maglie e altri cimeli raccolti negli anni da Barcarotti e dalla società. Inoltre Bandecchi ha anche annunciato ufficialmente che sarà pubblicato un libro sulla storia della Ternana, scritto dal solito Marco Barcarotti e coedito dalla società rossoverde.

Presente e futuro della Ternana

Il presidente ha poi parlato del suo amore per la Ternana e del futuro del campionato, dicendo:

Io non mi sono innamorato della Ternana al primo giorno. Ma poi, conoscendo l’ambiente, con il tempo ho impartao a legarmi ad essa e a sentirla mia. Per questo, come rispondevo a un giornalista di Catania, non prenderei altre società. (…) Il campionato, per me, sarà interrotto, ma i playoff, probabilmente, verranno fatti. Spero anche di poter giocare le due finali di Coppa Italia e di poter dire che la Ternana, con me, ha vinto un trofeo.

Del futuro della Serie C ha anche parlato il ds Leone che, intervenuto ai microfoni di TeleTerni ha appoggiato una delle idee del presidente Bandecchi.

Il calcio di serie C aveva problemi a prescindere, così com’è non è sostenibile e il Coronavirus lo ha aggravato. Sono d’accordo sull’idea del presidente Bandecchi di dividere le società in un campionato élite e una sorta di C2. Ci sono società che chiedono indietro la fidejussione per pagare gli ultimi quattro stipendi: come faremo alla ripartenza a settembre, senza pubblico e con pochi sponsor? Secondo me 60 squadre non sono più sostenibili, mentre fare una serie C1 con i club di maggior solidità economica potrebbe essere una idea che darebbe anche nuovo lustro alla categoria.

Nella giornata di giovedì era inoltre venuta fuori un’indiscrezione riguardante un interessamento della Juventus proprio per Luca Leone.

Non può far che piacere sapere che il proprio nome è accostato alla società bianconera ma non so da dove e come possa essere uscita la notizia. Sono alla Ternana, sto bene con il presidente Bandecchi, un presidente con cui mi piacerebbe collaborare per altri 10 anni.

Questa la rapida smentita del ds rossoverde, che trova anche il tempo per delle parole al miele sul suo presidente ribadendo ancora una volta l’armonia che regna in quel di Terni.

Seguici su:

Facebook

Twitter

Back to top button