The Promised Neverland di Kaiu Shirai e Posuka Demizu ha concluso in Giappone la propria serializzazione manga. Con l’ultimo numero di Shonen Jump, infatti, la storia di Emma, Norman e Ray è giunta al termine.

Iniziato nel 2016, The Promised Neverland è un manga ormai composto da venti volumi, edito in Italia da J-Pop dal 2018, il cui ultimo volume sarà disponibile in Giappone a ottobre di quest’anno.

The Promised Neverland - Photo Credits: Web
The Promised Neverland – Photo Credits: Web

La conclusione di un epopea su carta…

Emma, Norman e Ray sono tre ragazzini che vivono in un orfanotrofio in attesa di essere adottati. Tuttavia, scopriranno presto che quella vita felice e tranquilla è tutta una menzogna. Essi infatti non sono altro che “bestiame di alta qualità”, in attesa di essere macellato per essere mangiato dai demoni. Pur di non attendere la fine, progettano la fuga dall’arfanotofrio e alla loro “madre”. Ma non sarà semplice scappare: un gigantesco e alto muro che circonda la foresta e l’orfanotrofio, e al di là il mistero più totale.

L’ultimo capitolo pubblicato è il 181°. Attualmente il manga, scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu, è arrivato a diciotto tankoubon: il 19° sarà pubblicato ad inizio luglio mentre il 20° ed ultimo tankoubon sarà pubblicato ad ottobre.

The Promised Neverland - Photo Credits: Web
The Promised Neverland – Photo Credits: Web

…ma che continua su schermo

Dal manga è stato tratto un adattamento anime, realizzato dallo studio d’animazione CloverWorks. attualmente si compone di una serie da dodici episodi che è disponibile in Italia sulla piattaforma streaming VVVVID sia in formato sottotitolato in lingua originale che doppiato.

Una seconda stagione dell’anime è invece attesa per il mese di gennaio del 2021. Il debutto era stato fissato per il mese di ottobre di quest’anno, ma la pandemia provocata dal Covid-19 ha fatto slittare i tempi di realizzazione dell’anime.

E voi, state leggendo The Promised Neverland? Secondo voi è giusto che il manga termini o avreste preferito una serializzazione più lunga? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci su Facebook e Instagram!

© RIPRODUZIONE RISERVATA