Cinema

The Weather Man: hello America

Pochi film hanno saputo affrontare direttamente il senso e il possibile fallimento del sogno americano. “The Weather Man” (stasera su Rai Movie alle 23:20) è uno di questi.

Diretto da Gore Verbinsky e scritto da Steve Conrad (autore anche de “La Ricerca della Felicità“), “The Weather Man” è probabilmente uno dei ritratti più cinici e sofferenti del mito sul successo tipicamente statunitense.

Nicolas Cage
Nicolas Cage. PhotoCredit: Web

La storia è quella di David Spritz (un Nicolas Cage straordinariamente in parte), l’ uomo delle previsioni. Colui che non è un meteorologo ma che si piazza davanti alla telecamere tutte le sere per annunciare le previsioni del tempo.

Lavora per un’emittente di Chicago, è ben pagato ed è persino in lizza per un lavoro a New York presso “Hello America“.

In compenso, David sta cercando di sopravvivere al fresco divorzio con la ex moglie (Hope Davis), vorrebbe il meglio per i suoi problematici figli (Gemmenne de la Peña e Nicholas Hoult) e non chiede altro che suo padre (Michael Caine) sia orgoglioso del suo lavoro.

The Weather Man
The Weather Man. PhotoCredit: Web

The Weather Man” è questo. Non solo il ritratto di un’ America che tenta di mantenere alto il suo ideale di terra ricca di opportunità per tutti. Fallendo in parte attraverso il racconto della famiglia Spritz.

The Weather Man
The Weather Man. PhotoCredit: Web

David non è una cattiva persona ma vuoi per motivi solo apparentemente incomprensibili (la freddezza del suo pur amato genitore) e per altri mossi dalla pura idiozia (gli spettatori disposti a gettargli addosso qualsiasi tipo di cibo), la sua vita sembra non portare a nulla di concreto.

The Weather Man. PhotoCredit: Web

Verbinsky dirige questo tragicomico ritratto umano con un grande senso della misura che permette al film di essere alla portata di tutti, senza risultare né patetico ma nemmeno aperto a soluzioni troppo concilianti.

Gore Verbinsky
Gore Verbinsky. PhotoCredit: Web

The Weather Man” è un film estremamente sottovalutato che avrebbe meritato e che meriterebbe tuttora maggiore considerazione anche solo per il mestiere di Verbinsky e per una delle prove migliori di Nicolas Cage alle prese con un personaggio tutt’altro che banale.

Michael Caine e Nicolas Cage
Michael Caine e Nicolas Cage. PhotoCredit: Web

Del resto, il disagio di David non è qualcosa che non può accomunare tanti di noi esseri umani alle prese con le difficoltà della vita. O come direbbe suo padre Robert: “Facile non fa parte del vocabolario degli adulti”.

Nicolas Cage
Nicolas Cage. PhotoCredit: Web

Ti è piaciuto il nostro articolo? Seguici su MMI e sul Cinema di Metropolitan.

Back to top button