Cinema

The Martian: waiting in the sky

Lo spazio. Un’entità maestosa e al contempo minacciosa. Una realtà ancora non completamente esplorata e che ha sempre affascinato Ridley Scott, prima con “Alien” e poi con questo “The Martian” (stasera su Italia 1 alle 21:20).

Chi ha mai detto che la NASA sia infallibile? Qualsiasi calcolo può essere di troppo e qualsiasi prevenzione può essere inutile. Così una missione su Marte si risolve con l’ evacuazione rocambolesca della spedizione e con la perdita di un membro dell’equipaggio, dato per morto. Solo che Mark Watney (Matt Damon) non è trapassato ma peggio. Completamente isolato dal suo mondo, Mark sopravvive come meglio può e nel frattempo cerca un modo per comunicare con la terra e salvarsi la pelle.

The Martian
The Martian. PhotoCredit: Web

The Martian : trama e recensione

La storia di un uomo sperduto in un pianeta estraneo e costretto a comunicare con il proprio pianeta a intermittenza (solo per tornare sulla Terra ci vorrebbe un anno!), non si presenta sotto le migliori luci. Ma quello che fa Ridley Scott è notevole. Prima di tutto per chi avesse dubbi sul talento del regista, posso dire senza indugio che con“The MartianScott dimostra di aver ancora la stoffa.

Azzecca l’estetica del pianeta Marte, alleggerisce la trama affrontando senza eccessivo dramma e anche con un pizzico di ironia la vicenda di Watney e di coloro che tentano di recuperarlo in tutti i modi. Pur non facendoci dimenticare la delicata situazione di Mark e della missione di soccorso, Ridley Scott non cade nel banale ma anzi dirige un film dallo stampo corale capace di intrattenere e di omaggiare uno stile da cinema classico che spesso non fa male ricordare e apprezzare.

Ridley Scott The Martian
Ridley Scott. PhotoCredit: Web

Scott ha sempre amato sperimentare nuovi generi e “The Martian” non è il suo film più originale o incredibile ma sinceramente credo sia uno dei suoi migliori titoli anche solo restringendo il campo agli ultimi dieci anni.

Diretto con un ritmo privo di sbavature, un cast azzeccato e dove nessuna gigioneggia rispetto agli altri (Jessica Chastain, Kristen Wiig, il soave Jeff Daniels, Sean Bean, Mackenzie Davis), “The Martian” si colloca perfettamente tra i titoli più apprezzabili del regista per la sua natura semplice ma vitale e per la capacità di ricordarci di come non esista posto migliore della sala cinematografica per poter apprezzare un film. E se a fine visione vi rimarrà in testa “Starman” di David Bowie (accompagnamento musicale di una delle scene più belle del film), vorrà dire qualcosa.

Ridley Scott
Ridley Scott. PhotoCredit: Web

Ti è piaciuto il nostro articolo? Seguici su MMI e sul Cinema di Metropolitan.

Adv

Related Articles

Back to top button