SBK

Toprak Razgatlioglu, fiducia nel prossimo anno di Superbike

La stagione 2022 per la Yamaha di Toprak Razgatlioglu, conclusasi con il quarto posto a Phillip Island, è stata comunque positiva, nonostante il titolo di campione del mondo sia passato dal turco allo spagnolo Alvaro Bautista di Ducati. La moto ha dimostrato di avere qualche lacuna che non ha consentito all’ex numero uno di conservare l’alloro conquistato lo scorso anno, ma i margini per migliorare ci sono. In vista della prossima stagione, ultima da contratto attuale con il team giapponese in SBK per il ragazzo, il bolide nipponico è pronto a lavorare alacremente per riconquistare immediatamente ciò che gli è stato sottratto in questa annata di Superbike.

Le dichiarazioni di Toprak Razgatlioglu di Yamaha sull’ultima battaglia del 2022 e sul prossimo futuro

(Credit foto – pagina Facebook Everything Moto Racing)

Ho dato il massimo – racconta il turco ex campione del mondo della SBK  ma dopo 10 o 11 giri la gomma posteriore è calata tanto: una volta passatomi Lowes ha spinto per un paio di giri, salvo poi iniziare a pattinare tanto, così avevo in mente di attaccarlo negli ultimi 2 o 3 giri, ma purtroppo la bandiera rossa ha dissolto il mio piano. Alex è stato fortunato, ma gli concedo un bonus perché ha due bambini (sorride ndr), e sono contento per lui. La Yamaha di solito non è particolarmente veloce su questa pista, e con la gomma più dura al posteriore le cose sono peggiorate. Non ho mai trovato l’assetto perfetto per il posteriore nel corso del fine settimana: il prossimo anno potrò contare sui test prima del round, che certamente mi aiuteranno. Sono contento, dato che quest’anno siamo migliorati ed abbiamo imparato alcune cose. Per il prossimo anno avrò delle nuove parti da sfruttare, nella speranza di crescere ulteriormente“.

(Credit foto – pagina Facebook Everything Moto Racing)

Seguici su Google News

Back to top button