Calcio

Torino, problemi a centrocampo: Torreira è la soluzione migliore

Il Torino non ingrana la marcia. Marco Giampaolo è sulla graticola e diversi sono i nomi degli allenatori italiani in cerca di una panchina in Serie A. Non sembra un problema la fase realizzativa, con Belotti e Lukic a tamponare la media dei goal segnati. A centrocampo, però, cuore del gioco del mister, son diversi i nomi che stano deludendo: a partire dai nuovi tasselli Linetty e Gojak che ancora non hanno dimostrato la propria caratura. Torna prepotentemente di moda, quindi, il nome di Lucas Torreira, centrocampista uruguagio di proprietà dell’Arsenal giunto in prestito all’Atletico Madrid.

Giampaolo vuole il suo vecchio pupillo per il suo undici titolare: è Torreira

Ecco, quindi, che riscontriamo il primo problema del tecnico ex Milan: l’assenza di un regista di qualità, che sia posizionato davanti la difesa o in fase di rifinitura. Non sussiste, al momento, un tandem come Valdifiori-Saponara o Torreira-Ramirez. E come riporta Tuttomercatoweb, è proprio l’uruguagio ex Arsenal, attualmente in forza all’Atletico Madrid, ad essere indiziato per giungere alla corte granata. El cholo Simeone, in effetti, lo ha impiegato solo una volta come titolare nel corso di questo avvio di stagione; il talento classe 1991, oltretutto, sarebbe un nome nuovamente di moda nella società di Urbano Cairo che già lo aveva cercato la scorsa estate.

A tale scopo, potrebbe essere molto utile l’ottimo stato di forma di Ola Aina, grande protagonista al Fulham tanto da prendersi il posto da terzino destro titolare e da convincere i dirigenti ad investire i 12,5 milioni previsti dal riscatto.

Il Torino prepara la sfida all’Inter: una novità di formazione

Nel frattempo, il Torino prepara la sfida contro l’Inter tentando di sopperire alla questione playmaker. Negli allenamenti senza i nazionali, Giampaolo ha provato insistentemente i movimenti difensivi posizionando Jacopo Segre, che bene ha fatto in queste prime uscite, come vertice basso del rombo di centrocampo. Il tutto, in attesa che anche Baselli rientri dall’infortunio.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button