Traffico, weekend da incubo sulle autostrade

Per il weekend si prevede un traffico molto intenso, in particolare in Emilia e Marche. Nel pomeriggio la A1 e la A14 raggiungeranno il picco

Le previsioni sono molto chiare: il weekend pre natalizio sarà molto impegnativo dal punto di vista del traffico. Gli esodi di turisti, studenti fuori sede che tornano a casa dopo il semestre universitario e parenti creeranno code e rallentamenti sulle linee autostradali in tutta Italia. In particolare i cruciali nodi romagnoli e marchigiani subiranno forti rallentamenti. Già ieri sera si registravano nove chilometri di coda tra Fermo e Grottamare nelle Marche.

Numeri simili sono attesi anche nelle prossime giornate antecedenti il Natale. Le tratte maggiormente a rischio sono la A1 Milano-Napoli, nel tratto emiliano-romagnolo, e la A14 Bologna-Taranto, nella zona marchigiana. Autostrade ha segnalato come una buona parte del flusso di macchine sia dovuto ai turisti:

Al traffico proveniente dalle città italiane si sommerà l’afflusso dei veicoli dei Paesi comunitari, soprattutto Austria, Germania, Franca e Svizzera, diretti anche verso la Romagna e le città di interesse storico-artistico

A Bologna un punto certamente critico sarà la tangenziale in direzione San Lazzaro e Casalecchio, dove l’Unipol Arena ospiterà nelle giornate di oggi e domani due concerti di Renato Zero. Un altro motivo di affollamento sarà il centro commerciale ShopVille Gran Reno, dove molte persone si recheranno almeno fino alla Vigilia.
Inoltre la società Autostrade ha imposto ai mezzi pesanti con peso superiore a 7,5 tonnellate il divieto di circolazione per domenica 22 dalle 9 alle 22. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center di Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 ore su 24.
La Procura di Avellino ha nel frattempo accolto l’istanza di Autostrade per il dissequestro delle barriere di sicurezza bordo-ponte installate sulla A14 e A16. Questo darà la possibilità ai cantieri di incominciare i lavori entro lunedì 23 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA