Cronaca

Treni sospesi in Italia per “Casi di Coronavirus”

Treni fermi e sospesi per casi sospetti di Coronavirus o per sicurezza Nazionale. Allarme in stazione a Lecce per un sospetto caso di Coronavirus sul treno arrivato da Roma alle 21 di venerdì sera.

I passeggeri sono stati trattenuti sulle carrozze, il piazzale della stazione è rimasto per lungo tempo presidiato da pattuglie della polizia e alcuni agenti sono saliti a bordo del convoglio protetti da mascherine alla ricerca di un viaggiatore che è stato identificato: si tratta di un ragazzo proveniente dalla Cina, che è stato visitato e non manifesta alcun sintomo. Un altro treno sarebbe fermo a Milano: si tratta di un Italo diretto a Torino.

Parecchi i treni che sono stati sospesi per casi sospessi di Coronavirus, diretti verso la Lombardia o il Piemonte. Una tutela che ha chiuso in quarantena il Centro Nord Italia: scuole, treni e tanti altri servizi sono stati sospesi per evitare la diffusione del contagio.

Trenord ha comunicato che i treni non si fermeranno nelle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo. In particolare i treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermeranno a Codogno. Il servizio è sospeso totalmente sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno. Sospesa anche l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo.

Seguono aggiornamenti.

Back to top button