Trucchi per ottimizzare l’ufficio in casa per il lockdown

Immagine: Danny144 / Pixabay

Con l’insorgere del Coronavirus, i lavoratori si sono dovuti adattare, pur di non perdere gli introiti del loro mestiere. Nuovi ritmi di vita, nuovi strumenti di collaborazione e la riorganizzazione degli spazi domestici.

Naturalmente, non tutti hanno un ufficio a casa o sono in grado di affrontare lunghe ore di lavoro a pochi passi dagli altri membri della loro famiglia, con le loro esigenze e i loro richiami. E sono tangenti gli italiani che non possono contare ancora oggi su connessioni a banda ultralarga.

Questa nuova modalità di lavoro risulta essere ostica a molti, che per mancanza di una sufficiente alfabetizzazione informatica o semplicemente perché non amano dipendere dalla tecnologia e dal Web, devono compiere uno sforzo aggiuntivo per adeguarsi.

Per evitare di perdere il posto e lo stipendio fisso, sia il dipendente costretto a fare smart working da casa sia il libero professionista che non è abituato a lavorare da remoto, devono riuscire a trasformare in qualche modo il loro ambiente domestico al fine di ritagliare uno spazio da usare unicamente come ufficio. Mai dimenticare anche una certa attenzione per il proprio look, per evitare di essere tacciati di essere osé come la leader finlandese durante una conference call.

Bisogna fare una premessa: per lavorare con il computer è ovvio che anche a casa bisogna avere una workstation in grado di farci guadagnare in autonomia ed efficienza, con una confortevole sedia ergonomica, un router wifi capace di coprire un’ampia porzione della casa con un segnale stabile, un’adeguata illuminazione per passare ore al PC senza faticare eccessivamente gli occhi.

Ma questo non è tutto. Di seguito ti forniremo alcune idee per rendere la tua casa più adatta allo smart working per il lockdown. 

Uno spazio isolato

Innanzitutto è importante che chi lavora in smart working sia il più isolato possibile dal resto della vita domestica. Non ci si può concentrare se la scrivania è dentro la camera da letto o in una zona della casa accessibile a tutti gli altri membri residenti dell’appartamento: potrebbe essere una fonte di distrazione.

Se non hai stanze a sufficienza in casa tua, puoi sempre creartelo: posizionando una grossa libreria come separé tra la zona ufficio e quella living dove trascorre la maggior parte del tempo il resto dei coinquilini.

Un punto di luce naturale

Una semplice finestra accanto alla scrivania può migliorare di molto il tempo che impieghi a lavorare. Stare troppe ore al buio o utilizzando la luce artificiale, infatti, può rivelarsi controproducente. I tuoi risultati dipendono anche da questo. 

Tastiera e mouse wireless

Una delle cose migliori che puoi fare per lavorare più comodamente è ottimizzare lo spazio. Uno dei modi più semplici e pratici per farlo è eliminando i fili che sbucano da ogni dove. 

Dovresti quindi preferire l’utilizzo di dispositivi senza fili, specialmente tastiere e mouse. Impazzirai di meno e molto probabilmente avrai molti meno problemi tecnici, che sono assolutamente da evitare quando si deve elaborare per obiettivi e in tempi ristretti.

Ricordati che, anche se stai lavorando da casa, non deve diminuire la tua produttività e la qualità del tuo lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA