“Un Natale Esplosivo”, “National Lampoon’s Christmas Vacation”: le riunioni di famiglia finiscono sempre malissimo

Un Natale Esplosivo“, o meglio “National Lampoon’s Christmas Vacation“, è il titolo della commedia scandalosamente comica a tema natalizio di cui vogliamo parlarvi oggi e di cui consigliamo la visione. “Un Natale Esplosivo” è un film diretto nel 1989 dal regista canadese Jeremia S. Chechik. Al centro della storia natalizia c’è la famiglia Griswold, capitanata da un giovane e promettente Chevy Chase, Beverly D’Angelo, Randy Quaid, Juliette Lewis all’epoca poco più che una teenager. Inoltre nel cast ci sono Johnny Galecki, Brian Doyle Murray, E.G Marshall, Doris Roberts e Diane Ladd.

Un Natale Esplosivo: breve storia di un natale da botti

La commedia di Chechik racconta il natale americano tradizionale che da sempre avvolge il cinema statunitense di un alone di fascino e ammirazione quasi surreale. Basti pensare a film blockbuster come “Miracolo sulla 34esima strada“, “Mamma ho perso l’aereo“, “Una poltrona per due“. Si tratta di pellicole che proprio come “Un Natale Esplosivo”, omaggiano la tradizione americana attraverso una serie di scene esilaranti e gag classiche, come la scelta dell’abete per il decoro natalizio nelle case, oppure l’organizzazione delle luci natalizie e per finire quella della casa e del cenone in compagnia di tutti i parenti.

Un Natale Esplosivo
Una scena del film “UN Natale Esplosivo”-photo credits: web

“Un Natale Esplosivo” è una chicca per le famiglie e anche le coppie più nostalgiche. Una gemma che omaggia un periodo, quello dei celebri anni ’80. Anni in cui tutto era possibile perchè il mondo occidentale viveva un boom economico stravolgente. Capelli cotonati e laccati, intimo da donna da far rabbrividere eroticamente qualsiasi uomo, anche il più onesto e fedele padre di famiglia. Nonne dai look bizzarri, nonni attempati e narcolettici, figli decisamente nerd e strafottenti, questo era la famiglia americana di un tempo e grazie a questa pellicola, lo spettatore potrà rivivere qualsiasi elemento cinefilo a lui caro.

Un Natale Esplosivo
Chevy Chase nel ruolo di Clark Griswold- photo credits: web

“Questo è il tuo natale io mi sono ritirato”

Il personaggio interpretato da Chevy Chase è ovviamente il protagonista e tutta la trama bizzarra della famiglia Griswold ruota intorno alle vicende che precedono la vigilia di natale. Clark Griswold ha un talento espressivo che gli conferisce una medaglia d’oro alla carriera per le sue ottime interpretazioni umoristiche. Un padre di famiglia che proprio come la maggior parte in quegli anni, non vede l’ora di festeggiare il natale e soprattutto di ricevere un premio in denaro, dalla sua azienda di lavoro.

Un Natale Esplosivo
Una scena del film di “Un Natale Esplosivo”-photo credits: web

Anche l’ambiente lavorativo, fotografa una realtà sui generis rispetto a quello che siamo attualmente abituati a vedere sul piccolo e grande schermo. Clark Griswold è un impiegato come tanti e vuole solo riuscire a fare felice la sua famiglia! in che modo? ricevendo i soldi necessari per allargare il suo giardino e metterci una bella piscina per l’estate!

Un Natale Esplosivo
Una scena dell’interno dell’appartamento più festaiolo di sempre-photo credits: web

Un Natale Esplosivo è il film giusto sotto le feste se: volete vivere le vacanze con leggerezza e ricordando che le vacanze sono tali se ci sono dei parenti strampalati e sempre fuori luogo, con qualche inconveniente sempre dietro l’angolo. Il menù natalizio è decisamente off limits e la gelatina che osserviamo ad un certo punto in una dettagliata ripresa alla tavola ne è la prova! non provate ad imitarli. La pellicola di Chechick promette risate, piccole riflessioni fiabesche e quel pizzico di follia sotto l’albero, che non guasta; i parenti serpenti di Chesy sono pittoresche caricature che omaggiano la realtà con dolcezza, un umorismo infantile a cui dobbiamo molto dopo tutto. “Un Natale Esplosivo” si può noleggiare sulla piattaforma di streaming Amazon Prime Video, per una modesta cifra.

Seguici su MMI e MetropolitanCinema

Silvia Pompi

© RIPRODUZIONE RISERVATA