Una delle voci più chiacchierate di questo periodo è il probabile approdo di Valentino Rossi nel team Petronas. A confermare le tante voci che alleggiano attorno a questo accordo ci ha pensato Franco Morbidelli, pilota della VR46 Riders Academy e candidato numero uno al posto di compagno di squadra di Rossi.

Morbidelli Petronas
Morbidelli correrà nel 2020 con una Yamaha M1 2020 Spec-A, leggermente diversa dalle factory di Rossi, Vinales e Quartararo – Photo credit: motogp.com

Ecco quando annunceranno Valentino Rossi in Petronas

Come detto, Franco Morbidelli quasi sicuramente dividerà il box Petronas con Valentino Rossi a partire dalla stagione 2021. Anche per l’italo brasiliano il rinnovo con il team malese sembra ormai una formalità. Il grande annuncio che decreterà ufficialmente la nascita di questa nuova coppia verrà dato molto probabilmente in occasione del weekend del primo GP stagionale. Ricordiamo che si partirà da Jerez il 19 Luglio con il Gran Premio di Spagna.

Valentino Rossi e Franco Morbidelli al Mugello
Valentino Rossi e Franco Morbidelli ai box del Mugello durante una sessione di allenamento con la VR46 Riders Academy – Photo credit: pagina Facebook Valentino Rossi

Le parole di Morbidelli su Valentino Rossi in Petronas

Nei giorni scorsi abbiamo visto Valentino e i piloti dell’Academy scendere in pista al Mugello sulle loro moto stradali per prepararsi al meglio al via della stagione. In molte foto pubblicate sui social Valentino e Franco sono sempre a stretto contatto, come a preannunciare ciò che vedremo in pista nel 2021. In più Morbidelli si è leggermente sbilanciato sul futuro del 46, rivelando qualche piccolo retroscena:

“Sono molto contento se sarà così, una bellissima storia per tutto quello che significa. Mi ha chiesto com’è il team e gli ho detto la verità. Che è fantastico, non sembra un team clienti, è super professionale“. 

Nell’attesa che il Mondiale cominci, i tifosi già pregustano la nascita di una bella coppia in Yamaha Petronas; un team che all’anno d’esordio ha dimostrato di saper competere pienamente con i team ufficiali. E questo ci fa ben sperare per il futuro dei nostri portacolori.

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA