Musica

Vecchioni: la poesia del flash mob

Roberto Vecchioni, inaspettatamente, è uscito sul balcone e ha intonato le note di “Sogna ragazzo sogna” dedicata alla sua Milano e all’intera Italia in questo momento difficile. Il professore ha commentato, nel video postato sul suo account Instagram, “Finirà tutto e saremo molto più belli di prima e molto più innamorati di prima” dopodiché ha cantato la sua canzone, senza musica, quasi recitata e forse per questo più intensa. Una presenza importante quella di Vecchioni nel contesto dei flash mob che stanno animando in questi giorni l’Italia intera. Una partecipazione di quelle significative  con poche, pochissime note che lasciano il segno per la capacità di mettere in una canzone una poesia.

Roberto Vecchioni e “L’infinito”

Il legame tra Roberto Vecchioni e Milano è indissolubile tanto è vero che “Luci a San Siro” è il titolo di una delle sue canzoni più note, e con un’inquadratura del cuore di Milano baciata da un tramonto commovente si chiude la diretta improvvisata dall’amato professore. Autore del video, girato alle 18:00, ormai orario fisso per l’appuntamento del flash mob, è il figlio di Roberto, Dodi Vecchioni. Il nuovo tour di Roberto Vecchioni si intitola “L’infinito”. La serie di concerti stava per iniziare proprio in questi giorni e, ovviamente, a causa delle recenti disposizioni è rinviato. L’album “L’Infinito”, pubblicato nel 2018, è disponibile, proprio per scelta di Roberto Vecchioni, solo in copia fisica e non in digitale.

Roberto Vecchioni partecipa la flash mob – Photo Credits: La Regione

Un lavoro incentrato sull’attualità con un brano “Ti insegnerò a volare (Alex), ispirato ad Alex Zanardi, ed in cui partecipa Francesco Guccini. “Giulio tratta della storia di Giulio Regeni. “Cappuccio rosso è una canzone ispirata ad Ayse, una guerrigliera che muore contro l’Isis. “Formidabili quegli anni parla del 1968. Con Morgan ha inciso “Come è lunga la notte, una canzone autobiografica. “Parola è un’elegia sulla morte della parola. Inoltre, la grafica della copertina è stata curata da Oliviero Toscani.
Seguici su Facebook

Back to top button