Cultura

Venom: Recensione

Anche se ci allontaniamo dalla nostra parte fan e puritana, ci sono alcune verità che sono necessarie per stabilire una storia basata su personaggi di fumetti. E una di queste è: non c’è Venom senza Spider-Man. Detto questo, il film inaugurale del ‘”universo cinematografico” della Sony è un bellissimo disastro.

Poster promozionale del film, fonte: Divulgazione

Il film prova a raccontare la storia del simbionte alieno e la sua connessione con Eddie Brock (Tom Hardy), un famoso giornalista. Tutto inizia quando intervista Carlton Drake, uno scienziato megalomane che ha creato la Life Foundation. Dopo aver scoperto uno scoop, Eddie finisce, attraverso varie situazioni, per essere contagiato da una “melma” nera, che lo trasforma in un antieroe.

Venom è un disastro annunciato sin dal suo inizio. Ogni anno ha il “Fantastic 4” che si merita, e credo che il simbionte è quello di quest’anno. La premessa di base si solidifica dando attenzione alla relazione tra Eddie e l’essere che “abita” in lui – ​​anch’esso interpretato da Tom Hardy. Ma è difficile trovare una base quando anche la recitazione è compromessa.

Vittima di una sceneggiatura scarsa, con dialoghi espositivi e battute di pessimo gusto, l’attore finisce per offrire una performance affettata e incoerente. Se, in un primo momento, Brock è un uomo affascinante, intelligente e astuto, quando il simbionte si impossessa del suo corpo, diventa stupido e bizzarro, cercando di compensare il tutto con facce strane e un umorismo fisico discutibile.

E non pensare che lui sia l’unico. L’intero cast del film, composto da nomi sensazionali come Michelle Williams e Riz Ahmed, è fuori luogo. Jenny Slater, che interpreta una scienziata della Life Foundation e che cerca l’aiuto di Brock, nota al mondo come personaggio comico, finisce per interpretare un personaggio serio e che non approfitta interamente il suo potenziale come attrice.

Da lontano, forse, il personaggio più problematico è Carlton Drake, vissuto da Ahmed. Il film fa in modo di esporre il villain ai cliché dei monologhi da pazzoide con sete di potere e lo fa più di una volta – tra cui uno di natura biblica, nella fase iniziale, che non ha alcun senso. E quando diventa Riot, le cose peggiorano.

Poster promozionale del film, fonte: Divulgazione

“Ma che mi dici di Venom?” ti chiederai. Non si può negare che il personaggio sia rappresentato molto meglio qui, ad esempio, che in Spider-Man 3. Ma non è un grande merito. Per un antieroe violento e serio, abbiamo qui una versione sciocca di Deadpool, che cerca di prendere per se un Black Humor che è tutto tranne che divertente.

A peggiorare le cose, gli effetti usati per comporre il personaggio sono palesemente mal rifiniti. Se, in una scena, possiamo persino percepire la Texture del corpo viscoso del simbionte, già nella sequenza seguente abbiamo la sensazione che siamo davanti a una bambola di cartone. Pensando a questo, è triste vedere lo spreco di una così amata figura di fumetti.

La direzione è di Ruben Fleischer, responsabile per l’acclamato Benvenuti a Zombieland. Tuttavia, analizzando questo film, sembra che ci troviamo di fronte a due cineasti completamente diversi. Il Fleischer del 2008 ha portato l’agilità e l’umorismo escatologico al suo film sugli zombi, ma sapeva come farlo con un’eleganza straordinaria.

In Venom, la sensazione è che nessuno abbia almeno provato a fare qualcosa di buono. A cominciare dalla narrativa del film, che salta da una situazione all’altra con la stessa velocità con cui Venom salta da un edificio all’altro. Tutto questo è completato da un montaggio povero, che non sa come costruire ritmo e tensione.

Tutto sommato, sembra che stiamo vedendo molti film diversi. C’è il principio di un film di supereroi, che non è mai pienamente realizzato a causa della natura antieroica del personaggio. C’è il tentativo di creare il terrore, ma la pellicola non si permette di andare oltre, mentre c’è anche una storia d’amore terribile, sia nel rapporto tra Eddie e Anne (Williams) che tra il giornalista e il simbionte in sé – sì, entrambe le relazioni sono confuse e fiacche.

C’è anche una pessima configurazione per quanto riguarda il viaggio del personaggio, che sembra derivare da un certo numero di film – che lo hanno fatto anche meglio. Ad esempio, c’è un richiamo melodrammatico simile a quello della trilogia di Spider-Man di Sam Raimi, mentre la trama che circonda la Life Foundation ricorda The Amazing Spider-Man.

Scena del film, fonte: Divulgazione

Le scene d’azione possono anche aiutare un po’, ma non molto. La fotografia è buia e disordinata, dando priorità a piani più chiusi. Di conseguenza, abbiamo anche alcune battaglie belle in cui Eddie rilascia il potere del simbionte – ma la battaglia finale tra Venom e Riot è pura (scusate il linguaggio)  pornografia di CGI.
D’altra parte, ci sono dettagli interessanti, come il modo in cui il Venom stesso si manifesta attraverso Eddie Brock, o le diverse “armi” create dal simbionte. Inoltre, anche il suono del film è ben costruito, tuttavia gli effetti sonori e la traccia del film sono ostacolati da canzoni che richiedono più spazio di quanto dovrebbero.

Alla fine, vediamo anche una formazione parallela. In tutta la trama, Venom si rifiuta di essere chiamato “parassita”, preferendo sempre il titolo di “simbionte”. Nel tentativo di costruire un “universo condiviso di Spider-Man senza Spider-Man”, la Sony non fa che insistere nello stesso tasto, cercando di dire che è un simbionte, non un parassita.

Succede che, nell’epoca in cui l’Universo Cinematografico Marvel domina il cinema e il Worlds of DC cerca di migliorare, questa nuovo universo della Sony non è altro che un tentativo di trarre profitto da personaggi che possono ancora utilizzare nei cinema. E non c’è niente di sbagliato in questo – purché il risultato sia minimamente buono, cosa che non accade qui.

Venom è, finora, il peggior film di supereroi dell’anno. E anche se lanciassero un’altro Suicide Squad o Fantastic 4, sarebbe difficile da superare. È un film debole, incoerente e finalizzato male che espone tutta l’avidità della Sony nel creare il proprio universo condiviso solo per partecipare alla competizione.
Contenendo la peggiore performance della carriera di Tom Hardy, Venom potrebbe anche essere una possibilità per i fan (come me) di testimoniare un antieroe più “fedele” rispetto a Spider-Man 3. Sfortunatamente, non è stata questa volta. Non ci resta che sperare per una nuova versione in futuro, chissà la prossima volta non lo vedremo affianco al nostro carissimo “Bimbo-ragno”, di Tom Holland.

Back to top button