Cronaca

Roma, litiga con la moglie e getta dell’acqua bollente sul bimbo di 7 mesi

Dopo un litigio con la moglie l’uomo ha gettato l’acqua sul figlio di 7 mesi ha tirato un pugno a quello di 4. Un’altro caso di violenza domestica.

La famiglia è stata ricoverata in ospedale e l’uomo è ora in manette

Violenza domestica a Roma

Un’altro caso di violenza domestica scuote la città di Roma. Un uomo di 41 anni, in seguito a un litigio con la moglie ha prima picchiato la donna, poi il figlio di 4 anni con un colpo al torace e infine ha versato acqua bollente sul piccolo di 7 mesi provocandogli ustioni di I e II grado. Tutta la famiglia è ora ricoverata in ospedale. L’uomo è stato condotto in centrale con le accuse di maltrattamenti personali e lesioni gravi.

La tragedia è avvenuta a Tor Tre Teste, mercoledì scorso, in seguito ad un violento litigio tra marito e moglie, entrambi cittadini marocchini di 41 anni. La lite, scoppiata tra i due cogniugi ha ben presto coinvolto il figlio di 4 anni, intervenuto per proteggere la madre.

Allarmati dalle urla provenienti dall’abitazione i vicini hanno chiamato la polizia la quale è immediatamente intervenuta sul posto. Le volanti degli agenti del Commissariato Prenestino di polizia e degli investigatori della Squadra Mobile hanno subito constatato la gravità della situazione.

Affidati alle cure delle ambulanze del 118 la moglie è stata trasportata in ospedale con dieci giorni di prognosi assieme al figlio più grande, medicato al pronto soccorso, ed al neonato di 7 mesi, ricoverato con ustioni di I e II grado alla zona inguinale. 

L’uomo è al momento in sotto custodia presso la stazione della polizia con le accuse di maltrattamenti personali e lesioni gravi.

Segui tutta l’Attualità del Metropolitan Magazine

Back to top button