Basket

Virtus Roma: tra quarantena e “fughe”

Il nove marzo è arrivato lo stop al campionato di Serie A e a tutti i campionati sportivi in Italia fino al 3 aprile. Seguendo le direttive della LBA anche la Virtus Roma ha iniziato il periodo di quarantena, con i giocatori che rimarranno a casa; annullate tutte le gare e gli allenamenti.

Un nuovo capitano per la Virtus Roma

L'immagine può contenere: una o più persone e persone che praticano sport
Giovanni Pini nuovo capitano della Virtus Roma
(Photo by Virtus Roma Facebook)

Dopo la partenza in direzione Fortitudo di Jerome Dyson la squadra virtussina ha nominato un nuovo capitano, il lungo Giovanni Pini. Qualche ora fa è giunto un messaggio importante sui canali social della società, direttamente dal nuovo capitano. Nel video si vede Pini salutare i tifosi e accennare alla situazione attuale, ecco le sue parole.

“Ciao a tutti, volevo solo augurare un buon inizio settimana a tutti i tifosi della Virtus Roma, mi raccomando restiamo a casa e rispettiamo le regole, è l’unico modo per uscire da questa emergenza, insieme ce la faremo! Ciao a tutti!”

La “fuga” dei giocatori virtussini

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, spazio all'aperto
James White all’arrivo nella capitale
(Photo by Virtus Roma Facebook)

Dopo lo stop al campionato diversi giocatori stranieri di LBA, in particolare gli americani, hanno deciso di lasciare il nostro paese (con o senza il permesso delle rispettive squadre) per fare ritorno nei rispettivi paesi di origine. Per quel che riguarda la società capitolina sono stati cinque i giocatori a fare ritorno negli States. Dopo James White hanno fatto ritorno in America il nuovo arrivato Jaylen Barford, Buford, Farley e Jefferson. Tra i non europei rimane a Roma il nuovo arrivato Corey Webster.

Le iniziative in questo momento di emergenza

La Virtus Roma insieme a tutte le società di LBA si sta muovendo per aiutare ad affrontare l’emergenza Coronavirus. La Legabasket ha lanciato sui social l’hashtag #GiochiamoDiSquadra con un video Instagram nel quale diversi giocatori di Serie A registrano il proprio messaggio. Per la Virtus le parole di Amar Alibegovic:

“Giocare a basket è la cosa più bella del mondo, però ora prima di tutto bisogna pensare alla salute delle persone… Noi ci siamo dovuti fermare, fatelo anche voi… Giochiamo di squadra!”

L'immagine può contenere: 1 persona, campo da basket
Amar Alibegovic
(Photo by Virtus Roma Facebook)

Tra le varie iniziative, la Virtus si muove anche sponsorizzando le donazioni di sangue nella Regione Lazio, per la lotta al Covid-19.

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Back to top button