La prime cinque squadre in classifica sembrano irraggiungibili, ma nel mezzo Firenze, Bergamo e Chieri cercano la rimonta su Monza. Perugia e Caserta con le spalle al muro: mission (quasi) impossible per la salvezza

Chieri è nona nella classifica di Serie A1 femminile
REALE MUTUA FENERA CHIERI – Photo Credit: Filippo Rubin

Nel mezzo della classifica di Serie A1 femminile

La classifica di Serie A1 femminile è divisa in due. Imoco Volley Conegliano, Unet E-Work Busto Arsizio, Igor Gorgonzola Novara, Savino Del Bene Scandicci ed Epiù Pomì Casalmaggiore occupano le prime cinque posizioni e hanno un margine sulle avversarie che può essere definito di sicurezza. La Saugella Monza si trova al sesto posto e deve guardarsi dal tentativo di rimonta de Il Bisonte Firenze, staccato di 4 lunghezze. Vicina anche la Zanetti Bergamo, che dopo la vittoria contro la squadra brianzola si trova a 5 punti dal sesto posto.

Cambiamenti non troppo significativi nella parte più bassa della classifica. Rispetto al girone di andata infatti, la Reale Mutua Fenera Chieri perde una posizione e con 18 punti si trova al nono posto, braccata dalla Bosca S. Bernardo Cuneo, reduce dalla sorprendente vittoria casalinga contro Scandicci e staccata di un solo punto. Insegue a distanza ravvicinata la Banca Valsabbina Millenium Brescia (16 punti), che dopo il successo su Caserta ha incassato una netta sconfitta da Novara.

Perugia è penultima nella classifica di Serie A1 femminile
BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – Photo Credit: Filippo Rubin

Perugia e Caserta missione salvezza

La Lardini Filottrano è al momento terzultima in classifica con 14 punti e quinti teoricamente a rischio play-off. La realtà però è che Le ultime due in classifica sono ben staccate: la Bartoccini Fortinfissi Perugia ha cinque punti da recuperare, uno in meno rispetto alla Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta. Ma mentre Perugia, fin dall’inizio della stagione e soprattutto in questo inizio di 2020, ha dimostrato di poter esprimere un bel gioco e insidiare molte squadre, Caserta sembra cadere sempre più in basso a causa di problemi interni ben lontani dall’essere risolti.

Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

© RIPRODUZIONE RISERVATA