Tennis

WTA 250 Rabat, derby italiano Trevisan-Bronzetti: il pronostico

Adv

WTA 250 Rabat, oggi sarà derby tra italiane nel torneo marocchino. Martina Trevisan, infatti, ieri ha battuto la neerlandese Rus, mentre Lucia Bronzetti ha saputo superare la spagnola Parrizas Diaz. Nella gara odierna le due tenniste lotteranno per raggiungere la finale. Ecco cosa c’è da sapere.

Nessun precedente tra la Trevisan e la Bronzetti

Trevisan contro Bronzetti nel torneo WTA 250 di Rabat, in un derby che mette in palio l’accesso alla finale del torneo marocchino e che, fino a qui, non si era mai visto.

Martina Trevisan, numero 85 della classifica WTA, a Rabat ha esordito battendo la cinese You in 2 set (6-0, 6-4). Nel turno successivo, invece, la tennista italiana ha superato la spagnola Muguruza per 2-6, 6-4, 6-1. Ieri, infine, nei quarti di finale, la toscana ha mandato al tappeto la neerlandese Rus con il punteggio finale di 7-6, 6-3.

Lucia Bronzetti, invece, che nella graduatoria WTA occupa al momento l’83a posizione, ha iniziato la sua corsa nel torneo marocchino vincendo contro la russa Kalinskaya 6-3, 6-7, 6-3. Contro la francese Burel, invece, la tennista riminese si è imposta con il risultato di 6-3, 6-2. Nella giornata di ieri, infine, Lucia ha superato l’esame Parrizas Diaz per 6-1, 3-6, 7-6.

Le due italiane non si sono mai ritrovate l’una contro l’altra e dunque in qualche modo, lo scontro odierno scriverà una pagina inedita nella storia sportiva delle due tenniste italiane. In questa occasione i bookmakers vedono favorita Martina Trevisan, ma l’impressione è che assisteremo a uno scontro piuttosto combattuto.

Il programma di venerdì 20 maggio

C. Liu – A. Bondar (13.00)

M. Trevisan – L. Bronzetti (14.30)

Dove vedere in TV il WTA 250 Rabat

Il WTA 250 di Rabat potrà essere seguito per alcune gare su Supertennis TV e in streaming su Supertennix.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Adv
Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button