In WWE non è raro che un campione personalizzi il proprio titolo rendendolo parte integrante del suo personaggio; in questo articolo vi mostreremo le cinture più iconiche e bizzarre mai viste nella compagnia di Stamford.

Il WWE Spinner Championship di John Cena

WWE
Forse la cintura più inconica e discussa di sempre – Fonte: TheDoubleZTV

Questa cintura segnò un’era in WWE: l’apice della carriera di John Cena. Il titolo nonostante non sia di certo fra i più belli proposti dalla compagnia di Stamford è sicuramente quello più iconico e longevo riuscendo a rimanere sostanzialmente invariato per quasi otto anni.

Il WWF Brahama Bull Championship di The Rock

Risultati immagini per brahma bull championship
Un’idea sicuramente geniale – Fonte: Cageside Seats

The Rock vinse il titolo WWF alle Survivor Series 1998 divenendo il Corporate Champion che tutti conosciamo. La compagnia commissionò il titolo che vedete nell’immagine in alto ma che non apparve mai perché Rocky perse il titolo prima che quest’ultima venne ultimata.

The Milion Dollar Championship

WWE Milion Dollar Championship
Un titolo da un milione di dollari – Fonte: WWE.com

Non riuscendo a strappare il titolo WWF ad Hulk Hogan Ted Dibiase diede vita ad un titolo tutto per lui: il Milion Dollar Championship. La cintura è forse una delle più pacchiane di sempre ma è altamente rappresentativa di uno dei più grandi heel di sempre.

WWE Smackdown Glow Women’s Championship di Naomi

Risultati immagini per naomi wwe glow championship
Una cintura sicuramente rappresentativa del proprio detentore – Fonte: WWE.com

Nel 2017 a Wrestlemania 33 Naomi rivinse per la seconda volta il titolo femminile strappandolo ad Alexa Bliss; per caratterizzare di più un personaggio decisamente anonimo come la campionessa dell’epoca i writer dello show blu decisero di customizzare la sua cintura con sette luci al led. Il risultato? uno dei titoli più caratteristici e brutti della storia della compagnia.

Il WWE Championship eco-sostenibile di Daniel Bryan

WWE Championship
Un titolo sicuramente originale – Fonte: WWE,com

Daniel Bryan vinse il WWE Championship nel novembre del 2018 turnando heel e presentando il suo nuovo io: il Planet Champion. Divenuto un ambientalista e nemico del consumismo presento un nuovo titolo mondiale fatto in canapa e materiale riciclabile. Per quanto il risultato finale è quantomeno discutibile il concetto alla base di questa cintura è certamente geniale.

WWF Smoking Skull Championship di Stone Cold Steve Austin

Risultati immagini per smoking skull championship
Uno dei titoli più iconici di sempre – Fonte: euroshopwwe.com

Questa cintura esordì nella puntata di Raw del 27 luglio 1998 per rappresentare la definitiva ascesa come top guy della compagnia di Stone Cold Steve Austin; è impossibile non ricordare questa cintura che con il suo design aggressivo rappresentò perfettamente il Texas Rattlesnake. Dietro a questo titolo c’è anche una leggenda metropolitana: secondo molti addetti ai lavori fu lo stesso Austin a commissionare la cintura non chiedendo l’autorizzazione al suo uso da parte della dirigenza.

Lo Spinner United States Championship di John Cena

Risultati immagini per united states championship spinner belt
L’ascesa di John Cena – Fonte: Whatculture.com

Cena vinse lo United States Championship a Wrestlemania 20 sconfiggendo The Big Show; da lì a poco presentò la sua versione del titolo che presentava una placca centrale rotante. La cintura all’epoca fu una trovata decisamente originale e fece molta presa sopratutto fra il pubblico più giovane.

The Fiend WWE Universal Championship

WWE
E’ iniziata l’era di Wyatt – Fonte: 411mania.com

Ultima ma non per importanza la nuova cintura personalizzata di The Fiend Bray Wyatt, Debuttata nell’ultima puntata di Smackdown rappresenta sicuramente lo spirito del campione che la detiene e farò certamente parlare di sé per il suo look unico.

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia

Pagina Facebook MMI Wrestling: https://www.facebook.com/mmiwrestling

Twitter Metropolitan Magazine Italia: https://www.twitter.com/MMagazineItalia