Gossip e TV

Zecchino D’Oro, la storia del programma TV per bambini e ragazzi

Adv

Lo Zecchino D’Oro nasce nel 1959 e per anni è stato il programma TV più amato tra bambini e ragazzi. Idea di Cino Tortorella, il mago Zurli per la tv dei ragazzi, che decise di presentare alla Fiera di Milano le prime due edizione. All’inizio era pensato e progettato come una trasmissione televisiva in cui dieci canzoni, scritte per un pubblico per bambini, si contendevano il premio chiamato, appunto, “Zecchino D’Oro“.

Nel 1961 la casa definitiva del programma diventa l’Antoniano di Bologna e da quel momento c’è una rivoluzione continua per Cino. In primis tra tutti trova la sua compagna di viaggio Mariele Ventre e decide di dar vita, nel 1963, a un coro di accompagno per la serata. Nacque quindi il Piccolo Coro dell’Antoniano, coordinato e diretto da Mariele. Alla scomparsa della Ventre il controllo di questa area passa alla sua allieva Sabrina Simoni. Dal 2000 le canzoni del programma diventano anche storie animare raccolte nella serie “I Cartoni dello Zecchino D’Oro”.

Lo Zecchino D’Oro, un successo per bambini e ragazzi

Ogni anno vengono presentate centinaia di canzoni in risposta al bando di concorso emesso dall’Antoniano. Una commissione interna/esterna all’Antoniano si occupa di effettuare una prima scrematura, scegliendo i componimenti giudicati più adatti. Durante la trasmissione vengono proposte un totale di 14 canzoni, tra italiane e non italiane. I bambini sono solo gli interpreti delle canzoni e non concorrono in nessun modo, in quanto la gara si svolge tra le canzoni e non tra i cantanti. Il programma festeggiò la sua 50ª edizione e per la prima volta venne introdotto il Telezecchino. Per celebrare le 50 edizioni, il 21 dicembre dello stesso anno venne trasmesso il Gran galà dello Zecchino d’Oro.

Marino Sara

Seguici su:

Facebook

Metropolitan magazine

Instagram

Twitter

Adv
Adv
Adv
Back to top button