6.7 C
Roma
Gennaio 20, 2021, mercoledì

“Abe”: Noah Schnapp, star di Stranger Things, è uno chef prodigio!

- Advertisement -

Abe” è il titolo della commedia che vede al centro della trama culinaria la star di Stranger Things, Noah Schnapp. “Abe” sarà in uscita dopo la fine dell’anno 2020, anche se la pellicola è stata diretta da Fernando Grostein Andrade, nel 2019. Noah Schnapp dopo il successo della sua interpretazione nel personaggio del piccolo Will, nella serie targata Netflix “Stranger Things”, spicca in questo narrazione multietnica e da prova del suo talento. Il suo personaggio è a pennello e Noah dimostra di essere un attore versatile. Grande prova e grande cucina! “Abe ha ottenuto due riconoscimenti nel 2019: uno presso il “Zlin Film Festival” in qualità di “Best Feature Film for Youth” poi presso “Washington Jewish Film Festival” come “Best Narrative“.

Il trailer ufficiale della commedia

“Abe”: Alcune persone mi chiama Abraham, alcune Ibrahim, altre Avi, io preferisco Abe, sono Abe

“Abe” è una commedia tragicomica che porta sul grande schermo la storia e la cultura di popoli che attualmente combattono ancora uno scontro generazionale causato dalle radici del proprio passato. La storia non si dimentica e determinate cultura si basano effettivamente sul loro passato per guardare e vivere il presente. Abe è un giovane adolescente che vive in una famiglia agiata di Brooklyn a New York.

Quello che però non ci aspettiamo nella sceneggiatura nata dalle menti di Lameece Isaaq e di Jacob Kader, è che il piccolo protagonista si definisce in parte un musulmano palestinese e per metà anche ebreo Israeliano e per non farsi mancare nulla, un americano di Broklyn. Il motivo? mamma e papà si sono sposati pur appartenendo a culture religiose totalmente opposte e lontane tra loro. Insomma la confusione c’è ma la voglia di essere se stesso prevarrà tra i fornelli, in uno scontro di razze, idee e valori che vale la pena di ascoltare durante i dialoghi di questa piccola chicca indipendente.

Abe
Una scena della commedia “Abe”-photo credits: web

“Dodici anni, è tempo di abbattere le barriere”

Ad unirli, secondo il piccolo Abe dovrebbe essere proprio la cultura del sapore, del cibo, perchè come lui stesso afferma, è il sapore che può unire tutto il mondo. Il ragazzo ha ereditato da sua nonna una passione che coltiva di giorno in giorno condividendo le sue creazioni su Instagram; si tratta della cucina.
Ibrahim, Abraham, insomma il piccolo Abe, adora cucinare ed assaggiare la cucina fusion. Si tratta di una cucina che a suo dire e a detta dei più grandi chef d’oltre oceano, sa mixare le culture e gli ingredienti di tutto il globo, per creare nuove usanze.

Abe
Il protagonista Noah Schnapp nel personaggio di “Abe”-photo credits: web

Il pranzo semita di Abe è servito

Dopo aver segretamente passato l’estate in una cucina di una cooperativa sociale di Broklyn dove ha la fortuna di conoscere il cibo di Chico e dello chef Russel, Abe decide una buona volta per tutte di preparare un pranzo semitico in onore del Thank’s Giving Day. Si tratterà di un pranzo estremamente ricercato dove gli ottimi consigli di Russel saranno utile al ragazzo per fondere in un elaborato menù le tradizione ebraiche della famiglia materna, con quelle medio-orientali della famiglia paterna.

Abe impara a tagliare lo Yucca, prepara limonate, lava molti piatti in cucina ed è addetto alla mondezza. Il protagonista di questa commedia, davvero deliziosa ed adatta ad un pubblico familiare e non solo, cresce, matura e con lui anche le sue aspirazioni e i valori con i quali è cresciuto, cozzano inesorabilmente con un dissidio familiare che si basa su schemi del passato.

Abe e l’amico chef Russel-photo credits: web
Non puoi scegliere la famiglia mi dispiace

I grandi sono bloccati in una bolla che sembra attanagliarli e renderli vittime di un nazionalismo che li accieca. La generazione dei millenials, quella capitanata da Abe si fa invece promotrice di un nuovo credo, quello della fusione e della verità. Qual’è la verità? la verità è che questa pellicola ci esorta ad essere se stessi senza schemi e sovrastrutture culturali. Abe ha già capito ciò ma è difficile mettere d’accordo le vecchie generazioni che hanno da sempre vissuto secondo questi dogmi.

Abe
Il protagonista Abe in una scena del film-photo credits: web
La cucina di Abe è fantastica e dovremmo provarla tutti

Limonate, ghiaccioli al limone e timo, torta di limone e semi di papavero, queste sono solo alcune delle chicche gulinarie sulle quali possiamo sognare guardando un film che si lascia assaporare con piacere, sia da un montaggio frizzante e vivace che da un gusto particolare per le papille gustative. La cucina fusion è un tema estremamente contemporaneo. Prendiamo ad esempio l’idea dei falafel dal brasile. Quando Abe prepara il suo pranzo semitico, possiamo gustare con gli occhi degli ottimi piatti.

Ne è un esempio il piatto di Shawarma, piatto tipico arabo, il fattoush, cioè dell’insalata medio-orientale, homemade matzho e infine per gustare, la classica ricetta del tacchino secondo la tradizione della nonna ebrea. Tra i piatti spuntano anche i famosi falafel con challa e humus e il pane tipico ebreo e musulmano. Infine dei dadini di Tapuoca che uniranno indissolubilmente tutta la famiglia di Abe.

La ricetta dello Shawarma fatto in casa

Lo shawarma è piatto tipico medio-orientale che si può replicare anche dentro le proprie mura domestiche; l’importante è far riposare bene il misto di carne magra essenzialmente nella marinatura di spezie. L’uso proprio di quest’ultime varia a seconda del paese d’origine. Lo shawarma come possiamo notare anche con Abe, si abbina molto bene con una salsa di hummus. Proprio come affermano Chico e lo chef Russel, i risultati migliori in questo tipo di cultura, si ottengono proprio mescolando ingredienti di paesi distanti.

Bando quindi a ricette rigide, lo shawarma prevede l’uso di carne di tacchino, o anche agnello, mescolato in alcune spezie, tra queste ad esempio: finocchio, cardamomo, anice, paprika dolce, un cucchiaio di coriandolo secco, cumino, pepe, olio e succo di limone, noce moscata, tre spicci d’aglio, per finire zenzero grattugiato. L’insalata Israeliana che accompagna il secondo piatto, prevede invece cetrioli, cipolla rossa, pomodorini, menta e coriandolo fresco. Sempre nel contorno possiamo aggiungere 150 grammi di hummus con quattro pite.

Le spezie che marineranno la carne, vanno prima di tutto, tostate in una padella di ferro, mentre il petto di tacchino deve essere imbevuto di succo di limone. In un secondo momento si passa il tacchino su dell’aglio, lo sfreghiamo e successivamente lo lasciamo marinare nelle spezie tostate, per circa una notte intera. Il tutto viene cotto in forno a 165° per ben due ore bagnando con del brodo di pollo in cottura. Per finire, si possono grigliare le pite e porgere il tacchino marinato al loro interno, cospargere il tutto con dell’insalata secondo la tradizione Israeliana e poi completare l’impiattamento con del hummus.

“Abe” è un piccolo gioello che emana piacevoli vibrazioni positive, la cultura si espande oltre le cucine e i fornelli, invadendo le bocche di adulti annoiati e troppo fermi sulle proprie idee. Molto bello inoltre lo sfondo sul quale si sviluppa la narrazione filmica; ogni scena riesce ad emanare l’atmosfera tipica Newyorkese, specialmente quella Broklyn.

Seguici su MMI e MetropolitanCinema

Silvia Pompi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

Thailandia, Anchan: la donna condannata a 43 anni di carcere per lesa maestà

Anchan è una dipendente pubblica thailandese di 60 anni, ed ora su di lei grava l'accusa di lesa maestà: la donna è...

Coppa Italia, follia Roma! Sesta sostituzione non consentita: avrebbe perso a tavolino

Altro, clamoroso, pasticcio in casa Roma. Dopo il caso Diawara che ha portato la sconfitta a tavolino in Serie A contro l'Hellas Verona...

Tra paure e misteri: buon compleanno, David Lynch!

Il regista David Lynch compie 75 anni, e soltanto chi ama visceralmente il cinema sa quanto il solo pronunciare il suo nome...
- Advertisement -

Ultime News

Tra paure e misteri: buon compleanno, David Lynch!

Il regista David Lynch compie 75 anni, e soltanto chi ama visceralmente il cinema sa quanto il solo pronunciare il suo nome...

Stasera in tv: “Tonya” scandalo realmente accaduto nel pattinaggio

Stasera in tv: Tonya, parabola di Tonya Harding, pattinatrice dai risultati record, implicata in un ultra-mediatizzato scandalo, perchè accusata di aver fatto...

Kate Winslet vittima di body shaming dopo Titanic: “Tutti commentavano il mio fisico”

Kate Winslet la Rose del film colossal Titanic, che ha fatto sognare e innamorare una generazione, racconta i retroscena del suo successo....

Stasera in tv “Swing Kids”: la musica per ribellarsi nella Germania nazista

Con l'avvicinarsi della Giornata della Memoria, che si terrà il 27 Gennaio, Tv2000 ci regala "Swing Kids - Giovani Ribelli", in programmazione...

“Ballo Ballo”: in arrivo il musical con le hit di Raffaella Carrà

Caschetto biondo e abiti scintillanti. L'iconica Raffaella Carrà non smette mai di piacere, anche ai giovani che non hanno vissuto in prima...
- Advertisement -