Cinema

Akira Kurosawa, da “Rashomon” a “Madadayo – Il compleanno”

Avrebbe compiuto oggi 110 anni Akira Kurosawa. Stiamo parlando in un grande regista giapponese che riuscì ad esportare il cinema nipponico in tutto il mondo. Un regista capace di vincere sia il Leone d’oro a Venezia e che la Palma d’oro a Cannes, ottenendo infine un Oscar onorario nel 1990. Questo regista giapponese ha conquistato tutti con l’epica dei suoi samurai divisa tra drammatico e grottesco ed ispirato la cinematografia mondiale.

Rashomon e I sette samurai di Akira Kurosawa

Il primo grande film che fece scoprire Akira Kurosawa al mondo è “Rashomon”. Questo lungometraggio su un articolato racconto di un crimine nel Giappone feudale sbarcò in Italia a Venezia vincendo il Leone d’oro nel 1951. 3 anni dopo, nel 1954, Kurosawa gira il suo film più famoso che influenzò la cinematografia hollywwodiana tanto che ne produsse una propria versione. Stiamo parlando di “I sette samurai” che Hollywood trasformò nel famoso remake western del film giapponese “I magnifici sette”. Il grande regista giapponese continuò con successo il filone dei famosi e sofisticati guerrieri nipponici con film come “La sfida del samurai”, ispirando Sergio Leone per il cult “Per un pugno di dollari” che lanciò il filone dello spaghetti western.

Una clip del film I sette samurai

Il tentato suicidio e il nuovo successo


Akira Kurosawa si è dedicato per periodo alla trasposizione della letteratura russa come nel caso di un altro suo film famoso come “Dersu Uzala” ottendo un discreto successo . Durante questi lavori gli era stato proposto dirigere il cult di guerra “Tora, Tora, Tora!” ma venne successivamente sostituito dalla Twenty Century Fox con Kinji Fukasaku prima che il film fosse completo. Questo evento spinse Kurosawa a tentare il suicidio a cui sopravvise. Ritornò in seguito alla sua epica samurai shakespeariana realizzando due grandi film di successo come “Kaghemusha-l’ombra del guerriero” che gli valse la Palma d’oro al Festival di Cannes e “Ran”, la versione nipponica di “Re Lear” con cui ebbe una nomination agli Oscar come miglior regista. Nel 1993 Kurosawa gira il suo ultimo film intitolato “Madadayo – Il compleanno” presentato fuori concorso a Cannes.

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button