Alexander Levy è passato dal sogno di giocare la Ryder Cup in casa nel 2018 ad essere, ad oggi, oltre la posizione 400 del World Ranking. Che cosa è successo?

Alexander Levy: i successi da Amateur

Il giocatore francese quando ancora era un dilettante ha mostrato subito il suo valore vincendo nel 2009 il French Amateur Championship e l’anno successivo il French International Amateur Championship. Nel 2010 Alexander Levy ha partecipato ed ha vinto rappresentando la sua nazione nella gara a squadre dell’ Eisenhower Trophy World Team Championship. Nel 2011, all’età di 21, decide di passare professionista dove, iniziando a giocare sul Challenge Tour per i primi due anni, riesce a guadagnare il diritto di gioco sullo European Tour per il 2013 grazie alla Qualifying School.

Alexander Levy (Credit: LUCAS BARIOULET/AFP via Getty Images)

Le vittorie

Sul tour maggiore il giocatore francese si fa notare vincendo nel 2014 due tornei: il Volvo China Open ad aprile ed il Portugal Masters, in ottobre. Due anni dopo, nel 2016 vince il Porsche European Open e l’anno successivo ha la meglio di nuovo nel Volvo China Open, diventando il primo vincitore del torneo per più di una volta. Nel 2018 con la vittoria in Marocco ad aprile nel Tophèe Hassan II, raggiunge il picco nel World: la posizione numero 46. Questo successo gli fa sperare di poter giocare poi a fine settembre la Ryder Cup in casa. Purtroppo però i risultati non gli sorridono ed inizia, da quel momento, una lenta discesa.

Alexander Levy
Alexander Levy dopo la vittoria in Cina: (Credit: Ap)

Anni di anonimato

Per il giocatore francese, abituato a vincere sullo European Tour, gli ultimi due anni sono stati un completo disastro: dopo la vittoria in Marocco ha collezionato solamente tre top ten, con parecchi tagli mancati: 26 sulle 48 gare giocate. Per un giocatore come Alexander Levy, abituato negli anni precedenti a mancare pochissimi tagli, ma soprattutto a vincere quasi ogni anno, sono numeri su cui riflettere.

Ora oltre la posizione numero 400 del World Ranking, riuscirà il giocatore francese a riprendersi e tornare sui livelli di qualche anno fa? A 29 anni ha tutto il tempo per tornare tra i migliori giocatori dello European Tour e, con la sua grinta dimostrata negli anni, ha buone possibilità di ritornare.

Per altri articoli sul golf cliccate qui.

Per rimanere aggiornati seguite la nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA