Metropolitan Today

Anna Bolena, lo scisma anglicano e la decapitazione della regina

Adv

Benvenuti ne viaggio nel tempo di Metropolitan Today. Faremo un viaggio nell’Inghilterra del XVI secolo per parlare della morte di una regina inglese. Una donna che con il suo matrimonio aveva contribuito a causare lo scisma anglicano. Una donna entrata di fatto nella leggenda. Il 19 maggio 1536 veniva giustiziata Anna Bolena e a lei è dedicata questa puntata

“A Gesù Cristo raccomando la mia anima; Signore Gesù ricevi la mia anima”

Queste le ultime parole pronunciate da Anna Bolena prima della sua decapitazione il 19 maggio 1536. La sua esecuzione era la drammatica conseguenza di un processo per diverse accuse tra cui stregoneria, adulterio ed alto tradimento. Imputazioni che la storia ha poi rivelato come infondate. L’unica colpa della Bolena era in realtà quella di non aver saputo dare un erede maschio al re cosi come la precedente regina Caterina d’Aragona. La regina era inoltre odiata dal popolo che parteggiava per Caterina e l’accusava di aver allontanato l’Inghilterra dalla chiesa cattolica.

Anna Bolena e lo scisma Anglicano

La morte di Anna Bolena nel film L’altra donna del re, fonte MAJA MANN

Dopo la morte di Anna Bolena sparirono quasi tutti i ritratti a lei coevi forse per cancellare un ricordo storico. Solo un medaglione del 1534 con suo ritratto è sopravvissuto alla distruzione. Quello che è certo, dalle testimonianze dei contemporanei, è che fosse una donne bella, intelligente e orgogliosa con un potente fascino esercitato sulle persone incontrate. Il suo nome fu poi riabilitato sotto il regno della figlia Elisabetta dove fu considerata un eroina che aveva salvato il suo regno dai mali della chiesa di Roma. Fu infatti il suo matrimonio con Enrico VIII l’atto finale con il quale si arrivò al cosiddetto scisma anglicano e l’affermazione della supremazia del re sulla chiesa inglese. Una riforma di cui la Bolena passò alla storia come uno dei maggiori sostenitori.

Altre ricorrenze importanti

Il nostro viaggio nel tempo continua con il 19 maggio 1802. Quel giorno Napoleone Bonaparte istituì la famosa Légion d’Honneur, la più alta onorificenza della Francia. 34 anni dopo, il 19 maggio 1836 , Cynthia Anne Parker, una bambina bianca, veniva rapita dai Comanche. Questa storia ispirò un romanzo da cui fu tratto il cult di John Ford “Sentieri selvaggi”. Parliamo ora di grandi scrittori perchè il 19 maggio 1897 Oscar Wilde veniva rilasciato dal carcere di Reading Gaol.

Facciamo una salto nel tempo fino al 19 maggio 1944, quando le SS uccisero per rappresaglia 59 civili nella cosiddetta strage del Turchino. Ora è il momento di affrontare due ricorrenze statunitensi. La prima è il 19 maggio 1965 quando Patricia Roberts Harris divenne la prima ambasciatrice di colore degli Stati Uniti. La seconda è il 19 maggio 1999. Quel giorno uscì in America “Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma”. Concludiamo il nostro viaggio del tempo con il 19 maggio 2018, il giorno del matrimonio tra il principe Henry e Meghan Markle.

Stefano Delle Cave

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Adv
Back to top button