Cultura

Antonio Scurati, la classifica dei libri più venduti nella settimana

Benvenuti nel nostro spazio dedicato alla classifica dei libri più venduti nella settimana. Parleremo di narrativa e di saggistica italiana e straniera. Nella nostra classifica di oggi spiccano i nomi di Antonio Scurati e di Pier Paolo Pasolini che torna in un inchiesta giornalistica su un caso controverso. Scopri insieme a noi la nostra classifica completa

Stiamo per parlare di Antonio Scurati e Pier Paolo Pasolini ma prima scopriamo il decimo posto della nostra speciale classifica dei libri più venduti della settimana. Questa posizione è occupata da “Irriducibile. La coscienza, la vita. i computer e la nostra natura” di Federico Faggin. È un saggio che si occupa dell’insostituibilità della coscienza umana rispetto all’universo delle macchine e dei computer. Dobbiamo ora spiegare la presenza di Pasolini nella nostra classifica. Al nono posto c’è infatti “L’ Italia nel petrolio. Mattei, Cefis, Pasolini e il sogno infranto dell’indipendenza energetica” di Giuseppe Oddo e Riccardo Antoniani. È un libro inchiesta sulla misteriosa morte di Enrico Mattei su cui Pasolini avanzò molti dubbi su quali fossero i veri responsabili. All’ottavo posto della nostra classifica c’è “Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno” di Benjamin Stevenson. È un giallo che vede como protagonisti una famiglia di assassini ritrovatasi in un resort di montagna per festeggiare un’uscita di prigione.

Antonio Scurati, come conquistare il potere con Robert Greene

Robert Greene, fonte powerseducitonandwar.com

Ritornando nell’universo saggistica vi sveliamo, prima di parlare di Antonio Scurati, il settimo posto della nostra classifica. Questa posizione è occupata da “Le 48 leggi del potere” di Robert Greene. È un libro per chi ambisce ai vertici della società e al potere che spiega diversi segreti su come acquistare autorità e e leadership. Il sesto posto della nostra classifica è occupato invece da “Tasmania” di Paolo Giordano. È un romanzo in cui attraverso una crisi di coppia si parla della crisi di un’intera generazione, dei suoi valori e del mondo che conosciamo.

Al quinto posto della nostra classifica ritroviamo il nostro Aldo Cazzullo con “Mussolini il capobanda. Perché dovremmo vergognarci del fascismo”. È un libro che analizza i mali della dittatura fascista e pechè dovremmo essere tutti antifascisti e condannare il fascismo. Il quarto posto della nostra classifica dei libri più venduti della settimana è occupata da “Il talento del cervello. 10 lezioni facili di neuroscienze” di Michela Matteoli. È un libro scientifico che spiega facilmente come comprendere e preservare alcune importanti funzioni del nostro cervello attraverso l’alimentazione, relax e molto altro.

Il nostro podio

Stiamo per scoprire chi occupa il podio della nostra classifica dei libri più venduti della settimana. Il terzo posto è occupato da Robert Galbraith, alias J.K. Rowling, con “Un cuore nero inchiostro. Un’indagine di Cormoran Strike”. È la sesta opera come giallista della Rowling che, dopo la saga cult di “Harry Potter”, ha deciso di dedicarsi a libri per adulti con inchieste e omicidi. Parliamo ora di cucina perchè al secondo posto della nostra classica c’è “Benvenuti in casa mia! Tante ricette facili e consigli semplici per risparmiare in cucina e in casa” di Benedetta Rossi. È un libro con tante facili ricette da prepare per mangiare diversi piatti risparmiando.

È venuto il momento di Antonio scurati perchè il suo “M. Gli ultimi giorni dell’Europa” occupa il primo posto della nostra classifica. È il terzo capitolo della fortunata serie dedicata al fascismo e a Mussolini. In particolare nel terzo volume si parla dei drammatici anni che vanno dal 1938 al 1940 con le leggi razziali, l’alleanza con il nazismo e la guerra.

Stefano Delle Cave

Seguici su Google news

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button