Calcio

Ascoli, con Stellone per sognare in grande

L’Ascoli riparte da Roberto Stellone: dopo la vittoria roboante di Livorno sotto la guida temporanea di Abascal, l’allenatore romano è pronto a guidare la squadra alla conquista dei playoff. Riuscirà nell’obiettivo?

Ascoli, comincia l’era Stellone

L’inizio di una nuova era. Non è soltanto il titolo di una canzone: ad Ascoli qualcosa è cambiato, eccome. Soltanto dieci giorni fa l’epilogo della gestione Zanetti ha portato la società a riflettere sul nome del possibile successore. Sfumato il profilo di Giuseppe “Bepi” Pillon, a raccogliere le redini del tecnico veneto sarà Roberto Stellone.

L’allenatore romano non ha certo bisogno di presentazioni. Negli ultimi anni il nome di Stellone è infatti legato alla prima storica promozione del Frosinone in Serie A. Allenatore molto duttile, in grado di utilizzare più moduli di gioco. Un motivatore, la ricetta del suo successo sta nella creazione di un gruppo solido e compatto, disposto a dare l’anima in campo per raggiungere l’obiettivo. Potrebbe essere proprio lui l’uomo adatto a ridare entusiasmo ad una piazza delusa. Sarà all’altezza delle aspettative?

Missione play-off

L’obiettivo di Roberto Stellone è ben chiaro: condurre la squadra a disputare i play-off. Missione tutt’altro che impossibile. I Piceni sono al momento appaiati a quota 30 punti, ad una sola lunghezza di distanza dai piazzamenti utili per disputare la post-season. Merito anche della vittoria ottenuta dal “traghettatore”, nonchè allenatore della Primavera, Guillermo Perez Abascal. Certo, l’avversario non era dei più ostici: un Livorno completamente allo sbaraglio, per il quale la salvezza al momento non appare altro che una chimera. Ma quanto basta per ridare fiducia ad una squadra che stava attraversando un momento buio: da qui bisognerà ripartire per sognare in grande.

Le probabili scelte di Stellone

Stellone, dicevamo, vanta una caratteristica peculiare: la duttilità nella scelta del modulo da schierare. Lo abbiamo visto provare il 3-5-2, il 4-3-1-2, il 4-4-2: un allenatore eclettico, che ama sperimentare. Probabile che nella sfida contro la Juve Stabia opti per l’ultimo schieramento, con il duo offensivo Scamacca e Trotta.

Ciò non toglie però che il tecnico non possa cominciare da subito a stupire. Il 4-1-4-1 di Abascal al Picchi di Livorno ha funzionato eccome. Morosini e Trotta sulle fasce non solo non hanno deluso, ma anzi hanno messo a segno le marcature che sono valse i tre punti ai bianconeri. Proprio l’ex Frosinone ha messo a segno una doppietta alla sua prima presenza con la maglia dell’Ascoli. Benchè l’avversario non sia stato certo dei più irresistibili, davvero niente male come biglietto da visita. Chapeau.

Appuntamento dunque a domani per l’esordio di Stellone nell’anticipo della 23a giornata di Serie B. Sarà l’artefice di una nuova impresa dopo quella compiuta in Ciociaria?

Foto Novi

Seguici su:

Pagina Facebook ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Account ufficiale Twitter Metropolitan Magazine Italia

Back to top button