Gli assorbenti non sono prodotti destinati a un pubblico esclusivamente femminile: anche i maschi possono averne bisogno, come si può verificare dando uno sguardo al catalogo del sito amioagio.it. Qui si possono acquistare assorbenti per uomo destinati ad attenuare le conseguenze delle perdite urinarie, ma anche prodotti per l’autodiagnosi, per l’igiene della persona e per le medicazioni. Amioagio.it è collegato al marchio Hartmann, vale a dire uno dei brand europei più importanti nel settore della produzione e della vendita di dispositivi medici. La fatturazione degli ordini e le spedizioni, invece, sono delegate a Doctor Shop, a cui Hartmann ha scelto di affidarsi per garantire il servizio di commercio elettronico.

Come sono fatti gli assorbenti per uomo

Sono due le principali tipologie di assorbenti maschili tra cui è possibile scegliere: quelli pensati per applicarsi alla biancheria intima, in modo molto semplice, e quelli a mutandina, che sono ideati e realizzati per essere indossati a mo’ di biancheria. In entrambi i casi sono in grado di adattarsi alle caratteristiche anatomiche maschili e che hanno la capacità di raccogliere tutte le gocce di urina che vengono perse. Così, la pelle può essere mantenuta sempre asciutta e pulita, e non si corre il rischio di una dispersione delle perdite sulla biancheria intima.

Le caratteristiche degli assorbenti per uomo

Esattamente come per gli assorbenti femminili, anche quelli maschili presentano un materassino assorbente a più strati come quello che si trova nei pannolini per i bambini. All’interno del materassino si trovano i polimeri superassorbenti che ha hanno la capacità di assorbire i liquidi per una quantità notevole. Dopo aver assorbito l’urina il polimero trasforma il liquido in gel, in questo modo il fluido non viene rilasciato nemmeno nel caso in cui sia sottoposto a pressione prolungata. Gli assorbenti per uomo rappresentano il prodotto ideale per tutti gli uomini che hanno problemi di incontinenza urinaria: un disturbo che coinvolge ben 4 milioni e mezzo di persone solo nel nostro Paese. Tutti costoro possono aver bisogno di assorbenti per uomo, che si trovano in vendita in configurazioni diverse. A seconda delle proprie necessità è possibile selezionare la tipologia e la misura più adatte, trovando il prodotto che consente di assorbire le perdite senza problemi e di affrontare il disagio senza doversi vergognare e senza provare alcun imbarazzo.

Perché si soffre di incontinenza

L’incontinenza urinaria maschile può essere generata da varie cause: per esempio un difetto di nascita che ha fatto sì che le vie urinarie non si siano sviluppate in modo completo. Sono 4 le tipologie di incontinenza urinaria conosciute e distinte in medicina: quella funzionale, quella overflow, quella da urgenza e quella da sforzo. L’incontinenza funzionale è un problema che si manifesta nel momento in cui ci sono delle ragioni fisiche a causa delle quali non si fa in tempo a raggiungere il bagno. L’incontinenza overflow, invece, è tipica di chi sente la necessità di fare pipì ma, una volta in bagno, rilascia una minima quantità di urina; le perdite di urina sono dovute al fatto che la vescica non si svuota come sarebbe necessario. Nel caso dell’incontinenza da urgenza, poi, si ha uno stimolo a urinare tanto intenso che non si riesce ad arrivare alla toilette. Tale circostanza si può verificare anche se la quantità di urina presente è poca, poiché la vescica viene spremuta quando ciò non dovrebbe succedere. Infine, ecco l’incontinenza da sforzo, che consiste in una perdita di urina che avviene quando si ride, si tossisce o si starnutisce.

L’incontinenza negli uomini

Come si sarà intuito, sarebbe un errore credere che il problema dell’incontinenza coinvolga solo le donne. È molto diffusa anche l’incontinenza urinaria maschile; essa, per altro, causa un tale imbarazzo da essere fonte di stress emotivo e da poter divenire debilitante. La fuoriuscita di urina accidentale avviene nel momento in cui la vescica si stringe in tempi troppo brevi o al momento sbagliato. Quando l’urina riempie la vescica, lo sfintere riceve la comunicazione di dover rimanere chiuso. Non è detto che l’incontinenza sia solo una conseguenza dell’invecchiamento, anche se di certo è più comune tra gli uomini un po’ in là con gli anni che non tra i più giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA