Tennis

ATP Parma: sfuma il quarto titolo in carriera per Marco Cecchinato

Non ce l’ha fatta Marco Cecchinato ad aggiudicarsi il suo quarto titolo in carriera. Il palermitano, nella finale del torneo ATP di Parma, si è dovuto arrendere al giovane americano Sebastian Korda. Può festeggiare invece Novak Djokovic, che nel primo pomeriggio ha trionfato nell’ultimo atto a Belgrado. Per il numero 1 del mondo si tratta dell’83esimo successo in carriera, il secondo stagionale.

ATP Parma: un grandissimo Korda vince il primo titolo sul circuito maggiore

Marco Cecchinato non è riuscito a coronare una settimana da sogno sui campi del torneo ATP di Parma. Il siciliano, nell’ultimo atto, ha dovuto cedere il passo ad un grandissimo Sebastian Korda, che si è imposto per 6-2 6-4 dopo 1h e 15 minuti di gioco. Il giovane americano si conferma la bestia nera dei tennisti italiani all’Emilia Romagna Open. Prima del Ceck, infatti, aveva estromesso dal torneo Andreas Seppi all’esordio e poi Lorenzo Sonego agli ottavi di finale. Si tratta del primo titolo sul circuito maggiore per il figlio del celebre Petr. Da lunedì entrerà per la prima volta tra i primi cinquanta giocatori del mondo e si posizionerà addirittura al secondo posto della Next Gen Race to Milan 2021. Può essere molto soddisfatto anche il tennista azzurro. Marco infatti, grazie a questa finale raggiunta, effettuerà un bellissimo salto di ventuno posizioni e rientrerà nella top 100 alla posizione numero 83 (numero sette d’Italia).

ATP Parma: Cecchinato ci prova ma l’americano è superiore

L’azzurro prova a tenere l’americano il più possibile lontano dal campo ma senza successo. Korda, infatti, è letteralmente devastante con la combinazione servizio-dritto e nello scambio Cecchinato è quasi sempre in affanno. I break decisivi, per il giocatore a stelle e strisce, arrivano rispettivamente nel quarto e nell’ottavo gioco. Dopo 32 minuti siamo 6-2 per lo statunitense. Nel secondo set è sempre il giovane americano, inizialmente, a tenere le redini dello scambio e farsi più minaccioso in risposta. L’italiano, dal canto suo, prova a restare attaccato all’avversario almeno nel punteggio e nel quarto gioco cancella una pericolosissima palla break. Nel nono gioco stavolta è Marco a procurarsi per la prima volta nel match una chance per togliere la battuta allo statunitense. Una volta fallita, però, è costretto ad arrendersi nel game successivo, con Korda che trova il break risolutivo e risolve in proprio favore anche la seconda frazione. Finisce 6-2 6-4 per il figlio del grande Petr, lui che nella sua carriera non era mai riuscito ad imporsi in un torneo sul rosso.

ATP Belgrado 2: Novak Djokovic torna a regnare a casa sua

Novak Djokovic è il campione del torneo ATP di Belgrado 2. Il numero 1 del mondo ha sconfitto nell’ultimo atto il qualificato slovacco Alex Molcan per 6-4 6-3 dopo 1h e 28 minuti di gioco. Per Nole, quello odierno, è l’83esimo titolo in carriera, il terzo conquistato nella Capitale serba dopo quelli ottenuti nelle edizioni del 2009 e del 2011. Si tratta inoltre del suo secondo successo stagionale dopo gli Australian Open. Il campione balcanico è il sesto giocatore capace di portarsi a casa due tornei nella stagione 2021. Anche oggi, così come in tutta la settimana, non è stato un Djokovic particolarmente brillante. Basti pensare che Nole nel primo set si è fatto togliere il servizio dal suo avversario addirittura per tre volte (quattro contando anche il secondo), una vera e propria rarità per un giocatore del suo calibro. Quello che contava, tuttavia, era solamente la vittoria. Un trionfo, questo conquistato a casa sua, che può certamente conferire al serbo quella fiducia necessaria per tentare il colpo Roland Garros, al via a partire da domani mattina con i primi incontri del tabellone principale.

ENRICO RICCIULLI

Photo Credit: account Twitter ufficiale MEF tennis events, @meftennisevents

Adv
Adv
Back to top button