Tennis

ATP Umago: si ferma ai quarti di finale il cammino di Stefano Travaglia

Adv

Esce di scena anche l’ultima speranza italiana al torneo ATP 250 di Umago. Non è riuscito infatti Stefano Travaglia ad accedere per la prima volta in carriera alle semifinali dell’evento croato. Fatale la sconfitta contro lo spagnolo Albert Ramos Vinolas, che a questo punto attende al prossimo round uno tra il serbo Filip Krajinovic o il giovanissimo connazionale Carlos Alcaraz Garfia.

Troppo Ramos per Travaglia: in semifinale ci va l’iberico

Per la seconda volta in carriera Stefano Travaglia (numero 91 ATP) è costretto a fermarsi ai quarti di finale del torneo ATP 250 di Umago. A sbarrargli la strada nel 2019, infatti, ci pensò in tre set l’ungherese Attila Balazs (futuro finalista di quell’edizione). Quest’oggi, invece, ci ha pensato la testa di serie numero 1 Albert Ramos-Vinolas (numero 43 ATP), il terzo spagnolo consecutivo incontrato questa settimana dal giocatore italiano. Il catalano si è imposto per 6-2 6-1 dopo 1h e 08 minuti di partita. Per lui si tratta della quinta semifinale in questa stagione 2021, tutte conquistate sulla terra rossa ed in eventi 250. E dire che il giocatore iberico si presentava al via qui in Croazia con un parziale di sette sconfitte consecutive al primo turno, interrotto l’altro ieri contro la wild card di casa Duje Ajdukovic. Al prossimo turno adesso se la vedrà contro uno tra il serbo Filip Krajinovic, finalista ad Amburgo la scorsa settimana, oppure contro il giovane connazionale Carlos Alcaraz Garfia, apparso decisamente on fire nelle sue prime due uscite.

ATP Umago: la solidità dello spagnolo da fondocampo fa la differenza

La partenza è tutta di Ramos-Vinolas, che scappa subito sul 2-0. Nel game successivo, tuttavia, lo spagnolo s’incarta. Ringrazia Travaglia, che approfitta di due doppi falli consecutivi dell’avversario per rientrare nel match (2-1). Sfortunatamente per Stefano l’iberico non sembra avere grandi problemi in risposta e dunque arriva il terzo break consecutivo: 3-1 e servizio per il numero 43 del mondo. L’azzurro si procura nel quinto gioco una chance per togliere nuovamente la battuta al catalano ma stavolta quest’ultimo alza la saracinesca: 4-1. Ramos nell’ottavo game toglie per la terza volta nel primo parziale la battuta al marchigiano: dopo 40 minuti l’azzurro è sotto per 6-2. A fare la differenza è sicuramente la risposta dell’iberico ma sopratutto la sua solidità da fondocampo, quella che gli consente di aggiudicarsi la maggior parte degli scambi lottati.

Nei primi giochi del secondo set il canovaccio tattico della sfida, purtroppo per Travaglia, non cambia. Lo spagnolo, infatti, riesce ad arrivare su ogni palla mandando costantemente fuori giri il gioco votato all’attacco del marchigiano. Quest’ultimo, così come nella precedente frazione, si fa levare il servizio già nel secondo game (2-0). L’iberico stavolta sembra davvero non voler concedere occasioni di break al suo avversario ed in men che non si dica siamo già sul 4-1. Nel sesto gioco arriva anche il secondo break del parziale per Ramos (il quinto in totale), quello che gli consente di archiviare definitivamente la pratica e di poter servire per l’incontro. Termina con un severo 6-2 6-1 per il giocatore di Barcellona. Per lui si tratta della seconda vittoria su due precedenti contro l’italiano. La prima arrivò addirittura nel lontano 2011 (sempre in due set). Erano gli ottavi di finale del Challenger di Milano.

ENRICO RICCIULLI

Photo Credit: account Twitter ufficiale della Federazione Italiana Tennis, @federtennis

Adv
Adv
Adv
Back to top button