Tennis

ATP Umago: Sinner esordio ok con Munar. Ai quarti troverà Carballes Baena

Al ritorno in campo dopo la pausa post Wimbledon, Jannik Sinner supera in due set Jaume Munar e accede ai quarti di finale dell’ATP 250 di Umago. L’altoatesino sfiderà Roberto Carballes Baena che oggi ha battuto in rimonta il favorito Alex Molcan.

Ancora non il miglior Sinner, ma sufficiente per battere Munar

Inizio difficile e confuso da parte di entrambi: prima Munar apre i giochi cedendo subito la battuta a Sinner con due doppi falli consecutivi e poi l’altoatesino lo imita restituendogliela sempre con un doppio errore. Nel corso del set il tennista spagnolo cerca di variare molto il suo gioco – a cominciare dal frequente serve and volley con cui cerca di non dare punti di riferimento in risposta all’avversario – ma non mancano gli errori che diventano pesanti sul finale del parziale. Nel nono game il numero 59 del mondo commette quattro scivoloni, tra cui ancora un doppio fallo, che regalano a Jannik un vantaggio che questa volta non butta via. L’azzurro, che sembra attendere l’errore avversario più che giocare col piede piantato sull’acceleratore, infatti riesce a chiudere il primo set il gioco successivo sul 6-4.

Nel secondo set continuano le difficoltà al servizio di Munar, il quale mette Sinner subito nelle condizioni per effettuare il break. Come nella prima frazione però Jannik non si rivela abbastanza cinico da cementare il vantaggio concedendo l’immediato contro-break; ma la gara di generosità la vince Munar, che con una serie di errori perde nuovamente la battuta. A quel punto il nativo di San Candido capisce che è tempo di chiuderla e nel decimo game va a servire per riuscirci, ma lo spagnolo fa di tutto per impedirglielo: dopo aver annullato due palle break e aver sprecato cinque match point, riesce a capitalizzare il sesto e perfezionare il passaggio del turno con il 6-4 finale. Contro Carballes Baena l’altoatesino giocherà per la settima volta nella stagione un quarto di finale.

ENRICO RUGGERI

Photo Credit: via Twitter, @federtennis

Seguici su Google News

Back to top button