Cinema

Un’attesa lunga 18 anni: sì al film su Dante firmato Pupi Avati

Un proverbio africano dice che la pazienza è un amuleto per la vita. Ne sa qualcosa Pupi Avati, che ha atteso quasi vent’anni affinché un suo ambiziosissimo progetto vedesse la luce.
Stiamo parlando di un film sul Sommo Poeta Dante Alighieri, che il regista bolognese ha in cantiere dagli inizi del nuovo millennio. La sceneggiatura è infatti riposta da tempo nel cassetto ed è stata già tradotta in inglese.

Pupi Avati - immagine web
Pupi Avati – immagine web

Dal Dantedì al film di Pupi Avati: un 2021 in compagnia del Sommo Poeta

Risale al 17 gennaio la notizia dell’istituzione del Dantedì, proposta da Dario Franceschini al consiglio dei ministri in vista, nel 2021, del 700° anniversario dalla scomparsa di Dante Alighieri. La giornata dedicata a questa eccellenza della cultura italiana sarà il 25 marzo, data che gli studiosi annoverano come il giorno in cui Dante iniziò il suo viaggio ultraterreno alla base della Divina Commedia.

Una celebre immagine del Sommo Poeta - immagine web
Una celebre immagine del Sommo Poeta – immagine web

Pupi Avati, invece, si è aperto ai microfoni di “Un giorno da pecora”, programma di Rai Radio Uno, comunicando, con un certo sollievo, di aver ricevuto dalla Rai quell’approvazione tanto attesa e desiderata. A dimostrazione che la perseveranza e la pazienza sono ottimi motori per tenere viva la propria creatività e il proprio desiderio.
Il regista ha inoltre rivelato che vorrebbe far uscire il film il 13 settembre 2021, giorno precedente a quello in cui scomparve Alighieri, spirato infatti il 14 settembre 1321.

Al Resto del Carlino Avati ha inoltre dichiarato che le riprese cominceranno a novembre, in Emilia Romagna, più precisamente a Ravenna, e si sposteranno poi in Toscana. Inoltre ha rivelato uno dei primi interpreti: Sergio Castellitto interpreterà Boccaccio, il poeta che nella pellicola narrerà, come un “moderno” Omero, le gesta del Sommo.

Segui Metropolitan Magazine ovunque! Ci trovi su Facebook, Instagram e Twitter!

Chiara Cozzi

Critica cinematografica per passione, scrittrice per vocazione.
Back to top button