Sport

Bastoni in acciaio: nel 1926 la storica decisione

Come sappiamo, le attrezzature da golf hanno subito nel tempo numerosi progressi. Dagli albori di questo sport c’è stata un’evoluzione tale da rendere più performante il gioco di ognuno, grazie a tecnologie sempre più sofisticate. Tra le novità più importanti non possiamo non menzionare l’introduzione dei bastoni in acciaio.

I primi bastoni da golf commissionati addirittura da un Re

Nel 1602 Re Giacomo VI, sovrano di Scozia, commissiona il primo set di mazze da golf. Appassionato di questo sport, va controcorrente rispetto ai suoi predecessori (ad esempio, Re Giacomo II, nel 1452 vietò la pratica del golf, ritenendola una distrazione dall’addestramento militare). Il set commissionato da Giacomo VI è realizzato completamente in legno, essendo un materiale resistente e facilmente reperibile. Nel tempo, non viene più utilizzato legno qualunque (faggio scozzese, limone, frassino) ma si privilegia l’hickory, legno canadese, per gli shaft. Per la testa, invece, il caco americano garantisce maggiore durezza e resistenza. Per i bastoni in acciaio, bisogna aspettare il tardo ‘800.

L’avvento dei bastoni in acciaio cambia radicalmente il gioco del golf

Nella seconda metà dell’800, i produttori di mazze iniziano ad introdurre l’acciaio nella costruzione dei bastoni. Oltre alla maggiore resistenza, sia agli agenti atmosferici sia nella consistenza del colpo, cambia radicalmente anche lo swing. I bastoni in legno richiedono un uso maggiore delle mani, rispetto all’utilizzo di tutto il corpo come nello swing moderno. Innegabile l’aumento della velocità della testa del bastone, come pure l’uniformità dei bastoni, garantendo set di mazze il più simili possibile. L’introduzione dell’acciaio, unito allo sviluppo delle palline (si passa dal legno delle origini alle piume d’oca o di pollo), alla guttaperca (la prima pallina prodotta con il lattice di questo albero della Malesia è stata realizzata nel 1848 dal Reverendo Dr. Robert Adam Paterson). Si arriva poi al rivestimento Balata e ai dimples (nel 1908). Lo sviluppo delle attrezzature da golf è in continua evoluzione, dalle origini a tutt’oggi.

I nuovi bastoni di acciaio esordiscono ufficialmente negli anni ’20

Bastoni in acciaio: nel 1926 la storica decisione
Bastoni in acciaio: Tiger con in mano il più potente dei “woods”. (Photo by Sam Greenwood/Getty Images)

Nel 1922 inizia la vendita di bastoni in acciaio. Nel 1924 Herbert C. Lagerblade all’Oakland Hills Country Club è il primo giocatore di golf in assoluto a utilizzare un bastone con lo shaft in acciaio in un torneo ufficiale, il National Open Championship. Molti giocatori professionisti, però, non amano i cambiamenti e continuano ad usare bastoni di legno. Anche per questo motivo, la Spalding nel 1930 produce bastoni in acciaio dipinti di marrone, per rendere più indolore questa transizione.

Il 9 dicembre 1926, l’USGA legalizza ufficialmente l’uso dei bastoni in acciaio nelle proprie competizioni. Nel 1931 Billy Burke è il primo giocatore a vincere l’US Open impiegando esclusivamente bastoni in acciaio. Ancora oggi, utilizziamo il termine “legni” per identificare i bastoni per le lunghe distanze. Alcuni, giustamente, usano la dicitura “metal woods” in modo più appropriato, essendo in effetti “legni di metallo” (leghe metalliche e grafite).
Curiosamente, digitando “woods golf” sui motori di ricerca, invece dei bastoni compare il nome di colui che ha riscritto la storia di questo splendido sport. Mai locuzione latina fu più azzeccata:nomen omen in questo caso, è quasi riduttiva

David Mario Arciero

Back to top button