Befana tra i rifiuti : nella Capitale fallisce il piano Ama

La Capitale è completamente invasa dai rifiuti, la triste befana dei romani

La Befana, festa più attesa da grandi e piccini, tra mito e leggenda la buona vecchina segna la fine delle festività natalizie. Eppure quest’anno a Roma, arriva tra mille polemiche per i disservizi in merito al piano rifiuti. Basta aggirarsi per le strade della Capitale per capire che non si è usciti dal’emergenza.

Dopo le tensioni dei giorni scorsi per la chiusura di 34 stand in Piazza Navona, simbolo dell’Epifania romana, si aggiunge ora l’ennesimo boccone amaro per i cittadini : camminare tra i rifiuti. Ancora una volta il piano Ama non è riuscito a gestire l’onda d’urto delle festività, da oltre dieci giorni i cassonetti sono ricolmi di immondizia.

Nonostante il Trattamento meccanico biologico ed i siti di smaltimento, stiano funzionando regolarmente. Come testimoniano le parole dell’amministratore unico di Ama Stefano Zaghis. Alla vigilia di Santo Stefano, tranquillizzava tutti, affermando che è tutto sotto controllo e che la prova rifiuti era stata positivamente superata.

Ancora una volta sembra che Roma debba fare i conti con una amministrazione vacillante dal punto di vista dei rifiuti, e andrà sempre peggio, considerando che la discarica di Colleferro rimarrà attiva fino al 15 di gennaio.

Cassonetti incendiati in molti quartieri della Capitale

Allo scempio dei marciapiedi invasi dai rifiuti, si aggiunge quello dei vandali che danno fuoco ai cassonetti della spazzatura. Risultato odore acre che si diffonde per le strade di Roma e spettacolo indecente fotografato anche dai turisti esterrefatti.

Dalla Balduina a Monteverde, da Nuovo Salario a Spinaceto, si assiste allo scempio dei cassonetti che vanno a fuoco, rappresentando un grave rischio per la salute. Il problema rifiuti è tutt’altro che arginato. La giunta Raggi proprio in queste ore si trova a dover affrontare la critica scelta della discarica di Monte Carnevale. Decisione che vede scontenti la maggior parte dei grillini.

Il prossimo 11 di gennaio, è attesa una grande manifestazione organizzata dal comitato del territorio per contrastare la scelta sulla nuova discarica. A prenderne le distanze, sono anche gli esponenti della Regione Lazio, che osservano gli avvenimenti degli ultimi giorni, pronti per invocare il Commissariamento della giunta Raggi.

Seguici su FB

Resta aggiornato con l’Attualità

© RIPRODUZIONE RISERVATA