Un dominio indiscusso. Una stagione stellare, da record. Due anni dopo la retrocessione in Serie B, il Benevento torna in Serie A. La promozione aritmetica, con sette turni di anticipo, è arrivata dopo la vittoria di misura di questa sera ai danni della Juve Stabia grazie alla rete di Marco Sau. Con la vittoria di questa sera la squadra del Presidente Vigorito si è assicurata anche il titolo come prima classificata. Un risultato mai in discussione, visto quanto fatto dagli uomini di Filippo Inzaghi nell’arco della stagione. Ora si riparte dalla massima serie. Prossimo obiettivo: un mercato con acquisti mirati a centrare la salvezza il prossimo anno. Analizziamo la straordinaria cavalcata degli Stregoni.

Benevento, i fattori del successo

76 punti in classifica in 31 partite fin qui disputate. Un campionato a parte, quello disputato dal Benevento. In una Serie B così competitiva, il dominio dei Sanniti non è mai stato in discussione. 23 vittorie, 7 pareggi, una sola sconfitta (quel 4-0 a Pescara tanto brutto quanto ininfluente). Una piccola macchia in una stagione a dir poco stellare.

56 gol fatti, soltanto 15 subiti. Proprio la solidità difensiva è stata l’arma in più del club giallorosso. 18 clean sheet per Lorenzo Montipò: una garanzia per la porta dei campani. Un reparto difensivo che ha puntato su uomini di esperienza quali Maggio, Tuia, Caldirola, Barba. La scelta si è rivelata vincente. Un centrocampo solido, in grado di dare una mano alla retroguardia ma anche di agevolare la manovra offensiva. Un reparto offensivo che ha funzionato alla perfezione.

Ma gran parte del merito va a colui che ha permesso a tale macchina di funzionare alla perfezione. Filippo Inzaghi cercava il riscatto dopo la delusione sulla panchina del Bologna. E lo ha trovato, eccome. Una leadership mai in bilico. Un allenatore in grado di far funzionare diversi moduli in campo. Dal 4-4-2 al 4-3-3, fino al 4-3-2-1 con la coppia Insigne-Sau alle spalle di Moncini. Il Benevento ripartirà da una certezza: Super-Pippo guiderà il club nel suo glorioso ritorno in massima serie.

Benevento
Photo credits: LaPresse

Un mercato per la salvezza

Ora testa alla prossima stagione. Bisognerà fare sicuramente meglio dell’ultima esperienza in Serie A, quando i campani retrocessero con largo anticipo e chiusero da fanalino di coda. 6 vittorie, 3 pareggi, 29 sconfitte. Una difesa da film horror, con ben 84 reti subite. Inzaghi guiderà un club di Serie A per la terza volta, dopo le sfortunate parentesi alla guida di Milan e Bologna. Si tratterà di un vero e proprio esame di maturità per il tecnico piacentino.

Ma la salvezza passerà soprattutto per il calciomercato. Il ds Pasquale Foggia è a caccia di colpi che possano consentire agli Stregoni di giocarsela fino alla fine. Una suggestione come Sturridge, un acquisto dalla massima serie del calibro di Gervinho, Llorente e Remy. Ci sarà da lavorare parecchio. Ma con lo spirito e l’entusiasmo della stagione corrente, uniti alle giuste mosse per rinforzare la rosa, nulla è precluso.

Seguici su:

Pagina Facebook ufficiale Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA