Il Bologna non gioca in campionato dal 29 febbraio, l’emergenza Coronavirus non ha risparmiato nemmeno la Serie A che ieri sera, dopo il tanto sofferto decreto ministeriale, si fermerà fino al 3 aprile. La squadra rossoblu è al decimo posto e se finisse ora la stagione potrebbe certamente dire di aver giocato un buon campionato.

Il Bologna si allena a porte chiuse

Il Bologna avrebbe dovuto preparare la sfida alla Juventus di venerdì 13 marzo. L’anticipo era previsto per consentire alla squadra di Sarri di preparare al meglio il match di ritorno di Champions League contro il Lione. Ma quella sfida venerdì sera non ci sarà, causa stop forzato di tutte le manifestazioni sportive in Italia fino al 3 aprile. Pertanto il gruppo guidato da Sinisa Mihajlovic, nella giornata di oggi si allenerà come di consueto ma a porte chiuse. Senza preparare alcuna partita importante.

Intanto ieri pomeriggio, buone notizie per i rossoblu, e in particolare per Mitchell Dijks.
Il giocatore olandese manca dai campi da fine settembre, quando si infortunò al secondo dito del piede destro, una brutta distorsione che sembrava poter guarire presto.
Al contrario, il rientro in squadra è stato più lento del previsto, tanto che il ragazzo è volato a dicembre addirittura in Olanda per una visita specialistica, che ha evidenziato la necessità di un riposo di altri 2-3 mesi prima di rientrare in campo.

Ieri finalmente il terzino dei Paesi Bassi è tornato ad allenarsi con i suoi compagni, come comunica il sito ufficiale del Bologna FC: un lavoro atletico e poi tecnico-tattico con il gruppo, gruppo infoltito anche di diversi giocatori della Primavera. Invece per Ladislav Krejci i tempi di recupero sono ancora incerti. Il calciatore ceco il 4 dicembre riportò un infortunio a Udine; il ragazzo nelle settimane scorse ha avuto ancora problemi, in particolare al piatto tibiale del ginocchio destro. Ieri si è allenato seguendo un allenamento differenziato rispetto al resto della squadra. Nella giornata di ieri, Matias Svanberg ha svolto delle terapie per recuperare dalla lesione del muscolo semitendinoso della coscia sinistra.

Il Bologna “resta a casa”

L’italia sta vivendo un’emergenza senza precedenti, e anche il Bologna ha invitato tutti i suoi sostenitori e non solo a rimanere a casa. L’hastag #iorestoacasa sta spopolando sui profili social degli sportivi, calciatori in primis. Non è stata da meno la società felsinea che sul suo profilo Twitter, ha pubblicato il seguente post:

© RIPRODUZIONE RISERVATA