Attualità

Come funziona il Bonus 100 euro in Busta Paga

Il bonus 100 euro e’ uno degli argomenti piu’ tratatti e discussi dell’ultimo periodo, soprattuto perché non e’ chiaro come funziona, come si riceve e se bisogna fare una domanda specifica.

Cos’e’ il Bonus 100 euro

Il decreto cura Italia (D.L. n. 18 del 17 marzo 2020), hanno previsto degli interventi volti a contrastare l’emergenza coronavirus, sia dal punto di vista sanitario che socio economico. Purtroppo a partire da febbraio 2020, la situazione in Italia è precipitata vorticosamente, al punto da spingere l’esecutivo a delle misure importanti pur di contenere i contagi.

Il governo ha infatti incentivato lo smartworking, ossia il lavoro da casa. Ma come è facile immaginare non tutte le realtà lavorative si adattano allo smartworking. Quindi, c’è un’ampia platea di persone che sono state costrette a lavorare, anche a marzo. Per queste persone, il decreto ha previsto un bonus di 100 euro in busta paga per il mese di marzo.

Importo e a chi spetta

L’importo di bonus spettante è pari a 100 euro netti, proporzionato alla quantità di giorni di servizio prestati a marzo. Supponiamo che tu lavori dal lunedi al venerdi, quindi i giorni lavorativi di marzo per te sono 22. Ti sei assentato dal lavoro per 5 giorni, quindi in realtà nel mese di marzo hai lavorato solo 17 giorni.

Il bonus spetta a tutti i lavoratori subordinati, statali e privati. Ecco i requisiti per averne diritto:

  1. Aver lavorato dalla sede a marzo;
  2. Avere un reddito annuale lordo non maggiore di 40.000 euro.

Bisogna fare una domanda per averlo?

Per ottenere il bonus non devi fare alcuna domanda: semplicemente lo troverai nella busta paga di aprile. Oppure, se non dovessi trovarlo nella busta paga di aprile, lo troverai in quelle successive, comunque entro il mese di dicembre 2020.

Back to top button