Continua il ping pong mediatico tra attori di Hollywood e Donald Trump. Sul ring, pronto a sferzare colpi ben assestati di sarcasmo, il sempiterno Brad Pitt . Per Saturday night live, l’attore, ha deciso di interpretare Anthony Fauci (il virologo personale della Casa Bianca) in uno sketch decisamente irriverente e sarcastico.

Brad Pitt nei panni del dottor Fauci

Lo sketch di Brad Pitt

“Ci sono state moltissime disinformazioni a proposito del virus– comincia Pitt- , e, sì, il nostro presidente si è preso qualche libertà nella divulgazione delle nostre linee guida, perciò vediamo cosa ‘avrebbe voluto dire’ il presidente..”

Brad, ehm Fauci, fa riferimento ad un attualissimo aplomb mediatico ricorrente negli Stati Uniti, e cioè quello di raccogliere i cocci delle dichiarazioni deliranti rilasciate da Trump, tale per cui ad ogni “il vaccino arriverà subito” di Trump, arriva un eguale e contrario “non sappiamo quando ci sarà il vaccino” di Fauci, ad ogni “basta iniettare del disinfettante per endovena” di Trump, arriva il facepalm rassegnato e sconcertato del virologo.

Brad Pitt nei panni del dr. Fauci
Brad Pitt nei panni del dr. Fauci

Esilarante, divertente e anche informativo. Sul profilo instagram  del Saturday Night Live vengono pubblicati video filmati in remoto per dare alla comunità un maggiore bilancio, e una maggiore chiarezza nelle informazioni che vengono fornite al paese (il più delle volte sbagliate e provenienti proprio da chi, paradosso, è alla guida del paese).

Alla fine Pitt si toglie la parrucca, svela il suo volto e si rivolge direttamente ad Anthony Fauci (al vero Fauci): “al vero Anthony Fauci: grazie per la tua pazienza, la tua chiarezza in questi tempi davvero difficili e grazie a tutto il personale sanitario e alle loro famiglie che sono sempre in prima linea”.

E con la benedizione di Brad Pitt, possiamo goderci un meraviglioso sabato sera. Ci sarà un twitter di reclamo arrabbiatissimo di Trump? Mah, non ci stupirebbe.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Seguici su MMI e Il cinema di Metropolitan

© RIPRODUZIONE RISERVATA