Esteri

Brittney Griner, la star del basket femminile, è stata arrestata in Russia

Brittney Griner è tra i nomi più conosciuti del mondo del basket femminile. Interprete del ruolo di pivot come non se ne sono mai viste prima, uno strapotere fisico con pochissimi pari, ha segnato un’era sia negli Stati Uniti, in WNBA, che in Europa, dov’è impegnata di solito durante la stagione, dal momento che la lega americana femminile gioca solo nei mesi centrali dell’anno.

La giocatrice di basket statunitense Brittney Griner è stata arrestata in Russia ed è sospettata di traffico di droga. L’arresto è avvenuto a febbraio ma ne è stata data notizia solo oggi da parte dell’agenzia di frontiera russa. Griner, dice un comunicato dell’agenzia, è stata fermata all’aeroporto di Mosca-Šeremet’evo al suo arrivo dagli Stati Uniti, dopo che i cani antidroga avevano indicato la possibile presenza di narcotici nel suo bagaglio. La polizia aveva poi ispezionato il bagaglio trovando cartucce per un vaporizzatore che contenevano olio di hashish (un prodotto derivato della pianta di cannabis). Griner è sospettata di traffico di droga e il reato di cui è sospettata prevede una pena massima di 10 anni di carcere.

Griner è una delle più forti giocatrici di basket degli ultimi anni, ha vinto due campionati universitari, un campionato di basket femminile WNBA e due medaglie d’oro alle Olimpiadi con la nazionale statunitense (oltre a tantissimi premi personali). Negli Stati Uniti gioca con i Phoenix Mercury ma dal 2015, durante le pause del campionato statunitense, Griner giocava nel campionato russo con l’UMMC Ekaterinburg (è frequente per le giocatrici statunitensi spostarsi all’estero durante i mesi di riposo). Il campionato russo si gioca nei mesi invernali e le giocatrici straniere che partecipano a volte restano in Russia fino ad aprile o maggio.

Le autorità hanno rintracciato nel bagaglio di Griner delle ricariche per sigaretta elettronica a base di cannabis. La polizia aeroportuale russa non ha fatto esplicitamente il nome della giocatrice nel suo rapporto, indicando l’atleta solo come “un membro della squadra di basket olimpica statunitense”. L’agente di Griner, Lindsay Kagawa Colas, ha spiegato di essere in contatto con l’atleta e con i suoi familiari, e con il legale d’ufficio assegnatole dalle autorità russe

Back to top button