Metropolitan Today

Bugs Bunny, 82 anni fa il primo corto con il celebre coniglio

Benvenuti nel viaggio nel tempo di Metropolitan Today. Torneremo indiertro di 82 anni. Parleremo di cartoni animati, conigli e Looney Tunes. Il 27 luglio 1940 usciva nelle sale americane “A Wild Hare” di Tex Avery in cui faceva per la prima volta la sua apparizione Bugs Bunny. Al celebre coniglio della Looney Tunes è dedicata la puntata di oggi

“Che succede, amico?”

Questa la celeberrima battuta pronunciata da Bugs Bunny in ogni cartoon che lo vede protagonista. Stiamo parlando del coniglio grigio antropomorfo più famoso al mondo. Un personaggio che riesce sempre a farci divertire per la sua furbizia, irriverenza e raffinatezza con il quale tiene scacco i suoi nemici. L’idea di questo cartoon cominciò ad essere sviluppata nel 1938 da Ben “Bugs” Hardaway, Bob Camplett e Tex Avery. Fu proprio Hardaway a produrre una prima versione del famoso coniglio per il corto “Porky’s Hare Hunt” che poi fu perfezionata e lanciata da Avery in “A Wild Hare” il 27 luglio 1940 con il debutto definitivo di Bugs Bunny.

A Wild Hare, il debutto di Bugs Bunny

Una scena di A Wild Hare, fonte Tooney Funny Fan 2003

“A Wild Hare” o “Caccia al coniglio” è il primo cartoon in cui per molti storici del cinema fa la sua prima apparizione Bugs Bunny . In questo cartoon il nostro divertente coniglio è alle prese con un altro famoso personaggio Looney Tunes come il cacciatore Taddeo. È qui che per la prima volta Bunny pronuncerà il suo famoso “che succede, amico?” e inizierà a proporre le sue divertenti trovate per sfuggire ai nemici. Il successo di “A Wild Hare” fu grande tanto che il corto di Tex Avery venne candidato all’Oscar nel 1941 come miglior cortometraggio di animazione. In seguito il corto fu rieditato nel 1944 con il titolo “The Wild Hare” ed incluso negli anni 70′ e negli anni 90′ in due documentari dedicati a Bugs Bunny.

Altre ricorrenze importanti

Il nostro viaggio nel tempo continua con il 27 luglio 1921. Quel giorno alcuni ricercatori dell’Università di Toronto isolarono per la prima volta l’ormone insulina. 8 anni dopo, il 27 luglio 1929, uscì il primo romanzo cult di Alberto Moravia intitolato “Gli indifferenti”. Parliamo ora di due avvenimenti importanti della seconda guerra mondiale. Il primo è la sconfitta delle potenze dell’Asse, tra cui l’Italia, nella prima battaglia di El Alamein il 27 luglio 1942. Lo stesso giorno Stalin emise il famigerato ordine 227 in base a cui, durante l’avanza nazista, qualsiasi soldato russo che lasciava le posizioni, senza un ordine preciso, poteva essere fucilato.

Il 27 luglio è una data importante per la musica perchè in quel giorno del 1984 usciva in America il film musicale “Purple Rain” di Prince. Lo stesso giorno ma del 1986 i Queen furono la prima band importante a tenere a Budapest un concerto in un paese dell’est sovietico. Dobbiamo ora parlare di due eventi drammatici della cronaca italiana. Il primo è l’omicidio a Palermo del commissario anti-racket Giovanni Lizzio a pochi giorni dalla strage di via D’Amelio. Il secondo sono tre attentati mafiosi con bombe compiuti a Milano dove morirono sei persone e a Roma dove furono gravemente danneggiate la Chiesa di San Giorgio al Velabro e la Basilica di San Giovanni in Laterano il 27 luglio del 1993. Concludiamo il nostro viaggio nel tempo con il 27 luglio 2018 quando si verificò l‘eclissi lunare più lunga del ventunesimo secolo.

Stefano Delle Cave

Seguici su Google news

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button