Calcio

Calciomercato Serie B: tutte le ultime ufficialità della serie cadetta

Serie B vicina all’avvio del campionato e a meno di 48 ore dalla prima gara, proseguono gli scambi sul mercato. Ecco tutte le ultime ufficialità.

Due novità per il Crotone di Modesto

Alla corte del Crotone del tecnico Francesco Modesto, si aggregano due nuove pedine. La prima è costituita da Mirko Maric, attaccante classe ’95 nato a Mostar e di nazionalità croata.

Il calciatore ha iniziato la propria carriera con l’NK Siroki Brijeg, formazione con la quale ha esordito nel massimo campionato della Bosnia-Erzegovina, assaporando per la prima volta, anche il palcoscenico internazionale europeo, giocando in Europa League. Successivamente si è messo in mostra con l’NK Lokomotiva Zagreb in Croazia, prima di esordire in Ungheria con il MOL Fehervar FC. Prima di approdare in Italia, Maric ha vestito la maglia dell’NK Osijek di nuovo in Croazia. Acquistato dal Monza nello scorso anno, viene ceduto in prestito ai calabresi in questo campionato. Per lui 308 presenze in gare ufficiali e 102 gol all’attivo.

Il secondo arrivo nella formazione calabrese, invece, è Marco Sala, interessante esterno di centrocampo classe ’99, nato nelle giovanili dell’Inter, prima dei passaggi all’Artezzo, alla Virtus Entella e alla SPAL nell’ultimo campionato. Anche per lui, l’arrivo al Crotone è stato possibile con la formula del prestito. Nella sua carriera, 186 presenze e 5 gol.

Novità anche per Como e Atalanta

Il Como, intanto, ha reso ufficiale l’arrivo Alberto Cerri, attaccante classe ’96, nato a Parma. Proprio con la squadra della sua città, nella stagione 2012-13, esordisce in Serie A. Nel campionato 2014-15, invece, in forza al Lanciano, gioca per la prima volta nel campionato cadetto (19 presenze, 4 gol), per poi proseguire l’anno successivo, sempre in Serie B, questa volta con il Cagliari (24 presenze, 3 gol). Ancora in B gioca con la SPAL (15 presenze, 1 gol), prima di tornare in Serie A con il Pescara nella seconda parte della stagione 2016-17. Con il Perugia, l’anno successivo, torna alla serie cadetta (33 presenze, 15 gol), ma già nel campionato seguenter, è con il Cagliari in Serie A (15 presenze). Dopo un nuovo passaggio alla SPAL, lo scorso anno, con il Cagliari in Serie A, ha disputato 24 gare e firmato un gol.

Con i Grigi dell’Alessandria, invece, giocherà il difensore centrale classe 2002, Christian Celesia. Per il ragazzo nato a Torino e cresciuto calcisticamente proprio con i granata (86 presenze e 6 gol), sarà il primo anno in Serie B.

Per la Ternana un giovane attaccante, per la Reggina Tumminello

Le novità di mercato in Serie B, inoltre, coinvolgono due attaccanti. Il primo è Pietro Rovaglia. Il classe 2000, dopo essersi svincolato dal ChievoVerona, si è unito alla Ternana. Il giocatore, che in carriera lo si è già visto all’opera con il Chievo, oltre che con la Pistoiese lo scorso anno in Serie C, ha messo in fila nel calcio professionistico, tra Serie A, B e C, 17 presenze.

Alla Reggina, nel frattempo, si è unito Marco Tumminiello, attaccante classe ’98, nativo di Erice. L’ultimo acquisto in prestito della formazione calabrese, ha tirato i primi calci al pallone nelle giovanili della Roma, arrivando a esordire in Serie A nella stagione 2017-18, proprio con indosso la casacca gioallorossa. Dopo le esperienze in Serie A con il Crotone e l’Atalanta, Tumminiello si è unito al Lecce giocando per la prima volta in Serie B, per poi fare il bis l’anno successivo con il Pescara. Lo scorso anno ha creduto in lui la SPAL, giocando di nuovo in Serie B. In carriera conta 27 presenze e 6 gol.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Serie B

(Photo credit: Reggina 1914)

Link foto: https://www.facebook.com/reggina1914OfficialPage/photos/a.883007018403913/4258239774213937/

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Back to top button