Captain Marvel: la recensione di InfoNerd

Captain Marvel approda oggi nelle sale italiane, e noi che abbiamo avuto la fortuna di vederlo in anteprima, siamo pronti a deliziarvi con le nostre impressioni a caldo.

Captain Marvel è l’ultima arrivata, la supereroina promessa che sembra avere in mano le carte per vincere l’imminente scontro con Thanos, e porre rimedio a quel pugno di cenere con il quale ci ha lasciati il violaceo cattivone nell’ultimo film degli Avengers.

Primo lungometraggio dell’MCU dedicato ad una protagonista femminile, Captain Marvel si distingue subito per avere un taglio diverso rispetto ai soliti cinecomics.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..Captain Marvel (Brie Larson)..Photo: Chuck Zlotnick..©Marvel Studios 2019

Che sia un esperimento riuscito o la derivazione di scelte registiche e di produzione differenti, per chi come me è ormai esasperato dai film di supereroi che si prendono a schiaffoni per due ore e mezza, quest’ultima fatica diretta da Anna Boden e Ryan Fleck potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa.

Ma andiamo con ordine.

La prima menzione speciale, sopra ogni cosa, va alla lacrimuccia che ti scende di fronte al semplice e commovente omaggio a Stan Lee nei titoli di testa. Sarà stato anche scontato, ma ricordare che il suo genio non è più di questo mondo è sempre un colpo al cuore.

Parlando poi della trama (che non starò qui a raccontare, perché sennò che ci andate a fare al cinema?), ha sicuramente il pregio di essere solida, coinvolgente e sviluppata in maniera intelligente.

Anche se non del tutto originale, sfrutta eventi e colpi di scena con maestria per cospargere il film di alcuni messaggi.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..Left: Talos (Ben Mendelsohn)..Photo: Chuck Zlotnick..©Marvel Studios 2019

Che siano di carattere politico, femminista, indirizzati semplicemente a raccontare un’amicizia indissolubile, o un percorso di scoperta personale, ogni tassello della trama si adatta perfettamente a ciò che ha da dire, raccontando una storia avvincente, piacevole e coerente.

Abbiamo delle origini incentrate sulla scoperta di sé, con una Carol Danvers più concentrata sulla ricerca del proprio passato e sullo scendere a patti con la propria natura, piuttosto che prendere a calci i cattivoni di turno.

Cosa che fa comunque egregiamente e in quantità più che soddisfacente.

captain marvel
Captain Marvel, Brie Larson

Magari non rispecchierà del tutto le origini più canoniche del personaggio, ma se si pensa che il primo Captain Marvel era in realtà una copia superpotenziata di Superman, edito da una piccola casa editrice che fu malamente divorata dai due giganti del mondo dei comics, lasciando la DC con quello che sarebbe poi diventato Shazam, e la Marvel con un nome da usare liberamente, c’è poco da lamentarsi.

Direi invece che l’eroina interpretata da Brie Larson, con la sua aliena storia dai tratti molto umani, si conquista di diritto il posto al centro di questo nuovo universo, che si plasmerà una volta conclusa l’ultima battaglia degli Avenger.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..Carol Danvers/Captain Marvel (Brie Larson)..Photo: Chuck Zlotnick..©Marvel Studios 2019

Forse è proprio questo il punto forte del film. Un equilibrio perfettamente bilanciato tra azione mozzafiato, degna dei più grandi lungometraggi dell’MCU, e una particolare attenzione al personaggio, alla sua emotività, alla sua crescita, che ci avvicina in maniera importante alla protagonista, rendendo la storia decisamente coinvolgente.

Una visione diversa rispetto ai soliti cinecomics, aiutata anche dal fatto che Captain Marvel non sia tra i più conosciuti, e che si spera faccia da preludio ad una nuova generazione di film nei quali si potrà tornare ad apprezzare queste storie incredibili.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..L to R: Att-Lass (Algenis Perez Soto), Captain Marvel (Brie Larson) and Minn-Erva (Gemma Chan)..Photo: Film Frame..©Marvel Studios 2019

Brie Larson, nonostante le numerose critiche ricevute in precedenza (ne abbiamo parlato qui), veste in maniera più che convincente la tuta dell’eroina Kree, regalandoci una Carol Denvers inarrestabile, valorosa e allo stesso tempo profondamente fragile.

In più abbiamo per la prima volta il privilegio di assistere a qualcosa che è forse impossibile trovare negli altri lungometraggi di genere: la storia sincera di una vera amicizia tra due donne.

Il rapporto tra Carol e Maria Rambeau (Lashana Lynch) sarà un fulcro fondamentale per l’evoluzione della protagonista, e i registi pongono con immenso piacere l’attenzione su quanto anche questo genere di rapporto possa essere fonte di forza ed ispirazione. Forse più di qualsiasi altro.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..L to R: Maria Rambeau (Lashana Lynch) and Captain Marvel (Brie Larson) ..Photo: Film Frame..©Marvel Studios 2019

Era ora che in un mondo come quello dei cinecomics si portasse l’attenzione anche su una tematica del genere, e per questo non possiamo che ringraziare Anna Boden e Ryan Fleck.

Finalmente Captain Marvel riesce dove quasi tutti i film di supereroi ormai da troppo tempo falliscono: avvicinarci alla protagonista, farci appassionare a lei e non al suo inflazionato nome, e soprattutto narrare una vera storia, che alla fine lasci qualcosa di più della semplice adrenalina da scazzottate ed esplosioni.

Se poi ci aggiungiamo il fatto che Carol Denvers (o Verse) sia un dirompente concentrato di energia radioattiva, in grado di far impallidire qualsiasi guerriero nell’universo, direi che abbiamo in mano una combo perfetta.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..Captain Marvel (Brie Larson) ..Photo: Film Frame..©Marvel Studios 2019

Come accennavo in precedenza infatti, non mancano certo le scene d’azione.

Spettacolari, mozzafiato, coreografiche come solo la Marvel sa fare, danno un ritmo deciso al film, senza risultare mai troppo ingombranti o eccessivamente lunghe.

Gli inguaribili nostalgici degli anni Novanta poi, non potranno far altro che amare incondizionatamente l’atmosfera grunge e la fantastica colonna sonora d’annata.

Anche ritrovare dei giovani Nick Fury e Phil Coulson si è rivelata una simpatica sorpresa. Catapultati 20 anni nel passato, scopriamo un po’ di più su questi personaggi che spesso nei film hanno fatto da contorno, e che aiutano molto a dare il senso di coesione dell’MCU anche in un’ambientazione così lontano nel tempo rispetto alle altre.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..L to R: Captain Marvel (Brie Larson) and Nick Fury (Samuel L. Jackson) ..Photo: Film Frame..©Marvel Studios 2019

Tuttavia, da orgogliosa gattara quale sono, il premio MVP lo consegno sicuramente a Goose (che in realtà sono quattro diversi micioni) per aver svolto egregiamente il suo ruolo ed essersi calato alla perfezione nella parte di bello e dannato del film.

Altro che Jude Law.

captain marvel infonerd
Goose in tutto il suo splendore

Per concludere quindi, non mi resta che dire una cosa: preparatevi, perché Captain Marvel sta arrivando.

Il supereroe più forte di tutti è donna, è intrepida, è indomabile, è arrabbiata, ed ha una voglia matta di prendere a calci fotonici un grande sedere viola.

captain marvel infonerd
Marvel Studios’ CAPTAIN MARVEL..Captain Marvel (Brie Larson) ..Photo: Film Frame..©Marvel Studios 2019

Thanos dovrebbe iniziare a preoccuparsi, e noi non vediamo l’ora di ritrovarla in Avengers: Endgame.

Antea Ruggero

Leggi tutti gli articoli dell’autrice

SEGUICI anche su Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA