Cultura

Carlo Fruttero, un romanziere molto ispirato

Carlo Fruttero, credits: web
Carlo Fruttero, credits: web

Carlo Fruttero è stato uno scrittore italiano. Era nato a Torino il 19 settembre del 1926. Nel 1947 Carlo Fruttero si trasferì in Francia, dove fece molti mestieri ma soprattutto iniziò a tradurre per Giulio Einaudi.

Carlo Fruttero e il prolifico incontro con Franco Lucentini

Nel 1952 avvenne il suo incontro prolifico con un altro scrittore, Franco Lucentini. Assai numerose furono infatti le loro collaborazioni nell’ambito del giornalismo, delle traduzioni e della stesura di romanzi, specie quelli appartenenti al genere poliziesco, quali La donna della domenica (1972), A che punto è la notte (1979), Il palio delle contrade morte (1983) L’amante senza fissa dimora (1986), La verità sul caso D. (1989), Enigma in luogo di mare (1991).

Le collaborazioni giornalistiche, le traduzioni e soprattutto i romanzi elaborati con un sapiente quanto attento dosaggio degli ingredienti più vari, come citazioni, giochi metaletterari, arguta e ironica osservazione del reale, e dall’immediata presa sul lettore.

Carlo Fruttero, credits: web
Carlo Fruttero, credits: web

Il trasferimento a Torino e la collana di fantascienza, Urania


Lucentini, romano, si trasferì a Torino, ed entrambi vennero assunti da Einaudi come redattori: traducevano Borges e Beckett, ma nel frattempo “scoprivano” la fantascienza. Nel ’61 prima uno poi l’altro passarono alla Mondadori, per dirigere «Urania», la prima collana di fantascienza, rimasta punto di riferimento del genere nel tempo. Un ruolo che proseguì sino al 1986.

Da ricordare anche una fortunata trasmissione televisiva RAI – L’arte di non leggere – e le poesie raccolte in L’idraulico non verrà, pubblicate da Spagnol nel 1971 in proprio e scritte dai due mentre lavoravano alla Donna della domenica, e non a quattro mani.
Dopo la scomparsa di Lucentini nel 2002, Fruttero ha proseguito da solo, tra romanzi e saggi. Nel 2006 è tornato al giallo con Donne informate sui fatti, seguito nel 2010 da Mutandine di chiffon. Memorie retribuite (Mondadori).

Viviamo in uno stato di confusione permanente, in giro c’ è molto chiacchiericcio e poca verità umana.

Le ultime pubblicazioni


Carlo Fruttero, pubblicò, sempre per Mondadori, nel 2010, un libro scritto a 4 mani con Massimo GramelliniLa patria, bene o male. Almanacco essenziale dell’Italia unita (in 150 date), mentre nel 2018 uscì Il cretino è per sempre. Viaggio d’autore nell’Italia che non cambia mai (Mondadori).
Venne a mancare a 85 anni, il 15 gennaio del 2012, a Castiglione della Pescaia, nella sua casa nella pineta di Roccamare, dove aveva a lungo frequentato i cari amici Italo Calvino e Pietro Citati.

Ilaria Grasso

Seguici su Facebook

Back to top button