Cultura

Charlène Wittstock, la principessa compie 45 anni

Charlène Wittstock, nota anche come Charlène di Monaco, è la principessa consorte del Principato di Monaco dopo aver sposato il Principe Alberto II di Monaco.

Classe 1978, Charlène nasce a Bulawayo in Zimbabwe il 25 Gennaio da padre di origine tedesca. Nel 2011, in onore delle sue nozze con il Principe Alberto II in seguito a delle indagini sul suo albero genealogico, le è stata conferita anche la certificazione per le sue origini irlandesi.

Charlène Wittstock, la nuotatrice dietro la principessa

Charlène Wittstock
Charlène di Monaco con il marito Alberto II di Monaco e i figli Jacques e Gabrielle. (Foto Pinterest)

Sin da giovanissima, Charlène Wittstock si scopre appassionata di sport. È proprio questa passione per il nuoto che la porta a vincere due medaglie d’oro ed una di argento ai giochi olimpici panafricani nel 1999 tenutisi a Johannesburg.

Nel 1998 aveva già rappresentato il Sudafrica ai Giochi del Commonwealth e successivamente nel 2002. Nel 2000 partecipa alle Olimpiadi di Sydney nella staffetta 4×100 raggiungendo la quinta posizione.

Nonostante i suoi grandi successi, ha dovuto dire addio alla sua carriera sportiva a causa di un infortunio alla spalla nel 2008 rinunciando alle Olimpiadi di Pechino dello stesso anno.

Curiosità sulla Principessa di Monaco

Charlène dal 2011 è la principessa consorte del Principato di Monaco, madre di due gemelli Gabrielle e Jacques Grimaldi, prossimo erede al trono.

In quanto tale è l’unica delle poche donne autorevoli al mondo a potersi vestire di bianco ad un’udienza del Papa, avendo sposato un monarca cattolico ed essersi convertita al cattolicesimo.

Charlène è la seconda principessa di Monaco, preceduta solo da Grace Kelly. Il suo primo incarico pubblico nei panni della principessa è stato per il funerale di Nelson Mandela nel 2013.

Parla tre lingue, l’Afrikaans, l’inglese e il francese e comprende anche il dialetto monegasco. Da anni si occupa di bambini in condizioni di povertà del terzo mondo e sostiene un’associazione che aiuta i bambini affetti da autismo. Fonda l’associazione Princesse-Charlène à Monaco per le donne e bambini in difficoltà nel mondo.

Charlène è anche presidente onoraria dell’associazione Croce Rossa del Sudafrica. Conta nel suo “curriculum” almeno 17 titoli nobiliari. Si considera appassionata di surf, escursionismo di montagna e di letteratura.

La lontananza da Monaco

La principessa di Monaco ha trascorso diversi mesi lontana da casa, dai figli e dal marito, il Principe Alberto, a causa di una malattia che inizialmente ha tenuto segreta ai media.

“Guardo al futuro giorno per giorno, la mia famiglia e coloro che amo sono la mia roccia” ha affermato in un’intervista dopo il rientro al principato di Monaco per mettere a tacere le malelingue che vociferavano un divorzio alle porte.

Fortunatamente oggi la principessa può vantare una ritrovata buona salute, continuando ad occuparsi dei suoi doveri a corte e soprattutto potersi dedicare al suo impegno più bello, crescere i propri figli. Proprio in risposta ad una domanda sui figli risponde: “L’unità familiare è fondamentale per noi. Sono due bambini che hanno la loro lingua e che si capiscono. Si amano e si proteggono a vicenda ed esprimono un’immensa benevolenza tra di loro. È un legame piuttosto unico, devo dire, e vedo questa peculiarità che i gemelli condividono”.

Non ci resta che augurare alla Principessa un felice compleanno circondata da coloro che ama di più, sperando che un giorno la sua nomina di principessa malinconica si spezzi con un meraviglioso sorriso “pubblico”.

Carola Antonucci

seguici su Google News.

Back to top button