Ecco dove è finito a giocare oggi Hachim Mastour, il fuoriclasse ex Milan che sembrava essere a tutti gli effetti un predestinato di questo sport.

“What the hell happened to Hachim Mastour?”. Se lo domandano persino in Inghilterra, come riportato da un servizio andato in onda qualche tempo fa durante il programma “Oh my goal”. E allora figuriamoci qua in Italia! Ma che diavolo è successo ad Hachim Mastour? O meglio, che diavolo di fine ha fatto l’ex enfant prodige del Milan? Non è stata, la sua, proprio una caduta dalle stelle alle stalle, ma poco ci è mancato. Ecco, infatti, dove gioca oggi.

Mastour
Hachim Mastour (fonte: gazzetta.it)

Hachim Mastour: dal Milan alla Serie C

Certo, la pressione deve essere stata tanta sulle spalle, specialmente dopo quei video che giravano sul web, mostrando un talento mozzafiato e cristallino come il suo. Tutti si aspettavano grandi cose da lui, venendo già paragonato ai giganti di questo sport, senza nemmeno che avesse ancora dimostrato qualcosa di effettivamente concreto. E dal desiderio di calcare il manto verde di San Siro, alla “condanna” di capitombolare in Serie C, purtroppo è un attimo.  Dopo le deludenti esperienze al Milan, in Spagna al Malaga, in Olanda allo Zwolle ed infine in Grecia nel Lamia, oggi Hachim Mastour è finito tra le fila della Reggina, probabilmente per ripartire da zero e trovare quel fondamentale slancio per la sua carriera.

Mastour alla Reggina
Hachim Mastour insieme al presidente della Reggina Luca Gallo (fonte: reggina1914.it)

Il 18 Ottobre del 2019 ha firmato un contratto triennale, che lo lega alla squadra calabrese fino al 30 Giugno 2022. Il suo esordio con la maglia amaranto non c’è ancora stato, anche perché, essendo fermo da circa un anno, la miglior condizione fisica non è semplice da ritrovare. Il mister Domenico Toscano non intende assolutamente bruciare le tappe, ma è sicuro delle incredibili doti tecniche e della straordinaria abilità col pallone dell’italo-marocchino. Trovare spazio là davanti sarà comunque una bella sfida, oltreché un obiettivo importante, considerati gli strepitosi rendimenti fino a qui dei bomber Corazza e Denis.

Le parole di Mastour sulla sua esperienza al Milan

Di recente Mastour, durante un’intervista per TuttoMercatoWeb, ripercorrendo la sua situazione, ha espresso pure qualche amarezza su alcune sue scelte passate, che secondo lui potrebbero aver influito negativamente sulla sua crescita come professionista, come quella di andare al Milan: “Io al Milan sono stato benissimo. E’ stata una famiglia per me. Ma forse, col senno di poi, a 14 anni avrei potuto scegliere un club europeo come l’Ajax, che era interessato a me e che forse mi avrebbe tenuto più alla lontana dai riflettori italiani. Oppure, avrei potuto optare per una squadra meno storica, in un ambiente più a misura d’uomo, per crescere con calma. Ad esempio, all’ultimo anno di Milan, avrei voluto giocare con la Primavera, anziché essere aggregato con la Prima Squadra. Purtroppo, le grandi aspettative che c’erano hanno finito col limitare il mio minutaggio in campo, che era quello che più mi interessava”.

Mastour
Hachim Mastour (fonte: Tuttocalcioestero.it)

E il circo mediatico (come era stato definito dal suo ex procuratore Mino Raiola) che all’epoca si era scatenato intorno al ragazzo, anzi un allora ragazzino di appena 14 anni, sicuramente non aveva aiutato, anzi. Ma nulla è perduto, perché oggi a 21 anni d’età Mastour ha ancora la possibilità di diventare uno di quei mostri sacri del calcio a cui spesso, ma in modo totalmente scellerato, era già stato accostato negli anni passati. Non a caso nel 2015 il quotidiano britannico The Guardian lo aveva inserito tra i 50 migliori calciatori nati nel 1998. La Reggina potrebbe quindi rivelarsi il giusto trampolino di lancio per esplodere una volta per tutte e riuscire un domani ad arrivare lontano. E, chissà, che quel “lontano” un giorno non sia nuovamente proprio tra le mura di San Siro, dove ancora tantissimi tifosi aspettano, curiosi e frementi, la sua definitiva consacrazione.

Tartaglione Marco

LEGGI TUTTI I MIEI ARTICOLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA