Gossip e Tv

Chi è Hevia e che fine ha fatto: il successo degli anni 2000, creatore della cornamusa elettronica

Hevia, nome completo José Ángel Hevia Velasco, è un grande musicista spagnolo che si è avvicinato alla musica quando era solo un bambino. A soli 4 anni ha cominciato ad avvicinarsi alla cornamusa grazie all’aiuto di A. Fernandez, che gli ha insegnato lo stile tradizionale. A soli 19 anni è diventato direttore della banda di cornamuse di Villaviciosa. Nel 1998 ha pubblicato il primo album Tierra de nadie contenente il suo brano più famoso Busindre Reel. L’amore per la musica e, in particolare per la cornamusa, lo ha spinto a studiare e a sperimentare fino ad inventare la cornamusa elettrica, la Gaita midi. Hevia è così riuscito ad adattare alla musica moderna uno strumento così antico. La sua invenzione ha ottenuto talmente successo che, attualmente, Hevia porta la Gaita midi in giro per il mondo partecipando ad eventi, festival, manifestazioni e programmi televisivi.

Chi è Hevia, carriera

Chi è Hevia e che fine ha fatto: il successo degli anni 2000, creatore della cornamusa elettronica

L’attività vera e propria come musicista inizia nel 1992 quando vince il Festival Interceltico di Lorient tenutosi in Inghilterra. Nel suo gruppo c’è anche la sorella Maria José, che suona le percussioni. Il successo arriva nel 1998 con il brano Busindre Reel diventata una hit in Italia e nel resto del mondo grazie a uno spot automobilistico.

Due sue canzoni sono state scelte per il gioco Vigilante 8: Second Offence. In pochi sanno che ha duettato con il gruppo italiano dei Sonohra nel brano Si chiama libertà. Anche dal punto di vista dell’innovazione degli strumenti musicali, Hevia può vantarsi di essere stato il creatore di una cornamusa elettronica chiamata la gaita Midi.

Tierra de nadie è sicuramente uno dei suoi più grandi successi con circa 1 milione di copie vendute solo in Spagna complice una hit conosciuta in tutto il mondo. In seguito ha pubblicato altri tre album: Al otro ladoEtnico ma non troppo e Obsession.

Seguici su Google News

Back to top button